Smart working e gli effetti dopo 25 anni di lavoro agile: l’identikit che preoccupa

In base allo studio DirectlyApply, dopo 25 anni di smart working, i problemi di salute potrebbero essere notevoli.

di , pubblicato il
In base allo studio DirectlyApply, dopo 25 anni di smart working, i problemi di salute potrebbero essere notevoli.

Lo smart working non ha soltanto vantaggi ma abbiamo visto più volte che esistono anche anche alcuni svantaggi legati perlopiù alla salute fisica. Secondo uno studio della piattaforma web inglese DirectlyApply, dopo 25 anni di lavoro remoto, l’identikit del lavoratore che opera da casa appare non troppo edificante.

Come sarebbe il lavoratore del futuro dopo anni di smart working?

Lo smart working è diventato una prassi consolidata durante il lockdown, il numero di persone che ha deciso oppure è stato costretto ad operare da remoto è cresciuto in maniera esponenziale con tutta una serie di vantaggi ma anche svantaggi, soprattutto futuri. In base allo studio DirectlyApply, che ha creato un identikit virtuale di una persona che lavora da casa da 25 anni, è emerso che problemi come occhi arrossati, obesità, postura ingobbita e spalle ricurve, calvizie e rughe saranno all’ordine del giorno.

La rappresentazione computerizzata ha messo in luce che sicuramente lavorare da casa permette di avere più tempo libero ma le ripercussioni fisiche e mentali rappresentano un problema. «Stare senza contatto umano per lunghi periodi di tempo può portare a livelli più alti dell’ormone dello stress, il cortisolo, che fa alzare la pressione sanguigna e ha effetti dannosi sulla salute mentale» si legge nello studio riportato da Il Corriere. Il troppo lavoro da casa, visto che spesso si rischia appunto di lavorare di più, può portare ad un aumento dell’adrenalina e un rischio obesità non indifferente. Durante lo studio è stata anche creata Emma, una sorta di identikit dell’impiegato del futuro: tra le caratteristiche mal di schiena, mal di testa, eczemi, fastidi agli occhi, obesità e gonfiore agli arti.

Come evitare gli svantaggi del lavoro da casa?

Lo studio ha rilevato che l’unico modo per evitare una situazione simile è quella di coltivare relazioni sociali, fare esercizio fisico all’aperto, separare gli spazi da lavoro da quelli legati alla vita privata e sfruttare il tempo libero per sostenere la salute emotiva.

Aldilà di questi dati, in ogni caso, il lavoro da remoto offre tutta una serie di benefici che vanno dalla maggiore produttività, l’equilibrio tra vita privata e lavoro e un risparmio in termini di tempo e denaro.

Leggi anche: Smart working, non solo vantaggi: ecco le conseguenze del lavoro agile

[email protected]

 

Argomenti: ,