Scandalo Forex, multate 5 banche con $3,3 miliardi per la manipolazione dei cambi

Cinque banche internazionali sono state multate dalle autorità di controllo di USA, Regno Unito e Svizzera per 3,3 miliardi di dollari, condannate per avere manovrato impropriamente i tassi di cambio tra le valute. Si tratta di uno scandalo enorme, che potrebbe affievolire la fiducia del mercato verso i sistemi di fissazione di diversi prezzi.

di , pubblicato il

Le autorità di controllo finanziarie di USA, Regno Unito e Svizzera hanno multato 5 colossi bancari per un ammontare complessivo di 3,3 miliardi di dollari, in relazione alle indagini condotte sulla manipolazione dei tassi di cambio delle valute, un mercato di ben 5.300 miliardi di dollari al giorno. Le banche oggetto delle sanzioni sono Barclays (800 milioni), Citigroup (668 milioni), JP Morgan (662 milioni), Royal Bank of Scotland (634 milioni) e Hsbc (618 milioni). Ma quelle comminate potrebbero non essere le uniche sanzioni contro le banche, in quanto il controllore dei cambi negli USA potrebbe annunciarne di nuove oggi, mentre il Dipartimento della Giustizia americana e quello di Londra hanno aperto un’indagine penale.   APPROFONDISCI – Deutsche Bank nella bufera per scandalo manipolazione cambi   E’ stato licenziato il responsabile per i cambi della Bank of England, Martin Mallett, che lavorava presso l’istituto da oltre 30 anni. La sua colpa è consistita nel non avere avvisato i superiori sul fatto che le banche stessero condividendo in modo inappropriato le informazioni con i traders sui loro clienti. In una nota, la BoE ha chiarito che Mallett non ha agito in mala fede e non è stato coinvolto in alcuna operazione impropria. Da quando sono partite le indagini, più di 30 manager sono stati sospesi, licenziati o si sono dimessi. In sostanza, sarebbe stato riscontrato nelle indagini che alcuni manager delle suddette banche condividevano con i traders alcune informazioni riservate dei clienti in una chat room chiamata “cartello”. Per la britannica Financial Conduct Authority si è tratta della maggiore multa mai comminata nella sua storia. In precedenza, il record spettava a Ubs, multata per 160 milioni di sterline, in seguito alla condanna per la manipolazione del Libor nel 2012.   APPROFONDISCI – Scattano i primi arresti per lo scandalo Libor   Le autorità non hanno preso sottogamba le indagini e i fatti riscontrati, perché solo se il mercato ha fiducia nel sistema di fissazione dei tassi di cambio vi si affida. Questi riguardano le imprese e i clienti individuali, che ogni giorno guardano ai tassi per regolare gli scambi finanziari e commerciali in diverse valute. Con le sanzioni di queste ore si è formalmente sancito, quindi, che il mercato valutario è stato più volte manovrato a discapito degli interessi della clientela. Stando alle indagini, le irregolarità sarebbero avvenute per un decennio fino allo scorso anno.   APPROFONDISCI – Prezzo dell’oro, ecco come si fissa. Critiche dopo il caso Barclays  

Argomenti: , ,