Salario minimo legale: i Paesi europei dove è realtà e quanto vale

Quale è il salario minimo legale negli altri paesi: i tre volti dell'Europa sullo stipendio minimo.

di , pubblicato il
Quale è il salario minimo legale negli altri paesi: i tre volti dell'Europa sullo stipendio minimo.

Il segretario generale del Partito democratico Matteo Renzi ha rilanciato la proposta del salario minimo legale, ipotizzando uno stipendio base tra i 9 e 10 euro ogni ora lavorativa. Anche Nannicini, responsabile del programma elettorale del Pd, si è detto favorevole al provvedimento. Si tratta di una novità in Europa? Come facilmente intuibile, niente affatto. Vi sono dei Paesi dove l’importo del salario minimo supera di gran lunga un contratto di qualsiasi impiegato o operaio in Italia di medio-basso livello.

Altre nazioni invece abbracciano la stessa idea, con differenti modalità. Così come per le tasse universitarie, la cui abolizione rientra nel programma elettorale di Liberi e Uguali (Pietro Grasso candidato premier ndr), l’Italia dimostra di essere ben lontana da altre realtà europee, tradendo in qualche modo lo stesso spirito dell’Unione Europea.

La disperazione di Renzi: salario minimo a 9-10 euro l’ora. Così ucciderebbe il lavoro

I tre volti dell’Europa per il salario minimo legale

Dal Lussemburgo alla Bulgaria c’è un gap pari a 1763 euro, centesimo in più centesimo in meno. Nel calcio, lo scontro tra la prima e ultima della classifica è spesso ribattezzato come testa-coda. Ma se nel gioco del pallone la sfera è rotonda, ben altra cosa è la realtà economica e sociale di una nazione. In Lussemburgo il salario minimo legale è fissato a 1.998,6 euro, in Bulgaria a 235,2 euro. Sopra i 1.000 euro troviamo Belgio, Irlanda, Germania e Francia, con valori tutti compresi intorno ai 1.500 euro.

C’è poi la seconda fascia, dove si va dai 649 euro del Portogallo agli 825 euro della Spagna. Qui compaiono anche altre nazioni come Malta e Grecia. Gli ellenici, nonostante le difficoltà degli ultimi anni, possono contare su un salario minimo legale di 683 euro.

Ci sono infine i Paesi appartenenti alla terza fascia, dove lo stipendio minimo è inferiore ai 500 euro. La Polonia, con i suoi 473 euro è quella che si avvicina maggiormente alla soglia dei 500 euro. Seguono Estonia, Turchia, Croazia, Slovacchia, Repubblica Ceca e Ungheria (tutte sopra i 400 euro), quindi Lituania, Lettonia e Romania (sopra i 300 euro), e infine la Bulgaria fanalino di coda con 235,2 euro.

I laureati italiani sono i più ‘poveri’ d’Europa: ecco quanto guadagnano

Stipendi 2017, le regioni italiane dove si guadagna di più

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,