Ryanair, non solo novità sui bagagli a mano: sciopero di tutto il personale

Dopo la novità a tratti indigesta sui bagagli a mano, nuovo sciopero per il personale Ryanair indetto per il 10 febbraio.

di , pubblicato il
Dopo la novità a tratti indigesta sui bagagli a mano, nuovo sciopero per il personale Ryanair indetto per il 10 febbraio.

Non c’è pace per Ryanair. Dopo le novità sui bagagli a mano che ha fatto storcere il naso a molti viaggiatori, arriva un’altra notizia nera per la compagnia low cost; uno sciopero di tutto il personale di volo indetto per il prossimo 10 febbraio. L’anno nuovo per il vettore irlandese non è quindi iniziato nel migliore dei modi, considerando tutti i problemi sorti dall’autunno scorso: le cancellazioni dei voli, i problemi coi sindacati tedeschi e irlandesi nonché le tensioni con quelli italiani, tensioni che sembrano non volersi risolvere tanto da arrivare ad una nuova protesta.

Perché il personale Ryanair sciopera

A lanciare lo sciopero di tutto il personale di volo per il 10 febbraio sono stati i sindacati Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti a causa del mancato confronto serio sul tema del contratto collettivo di lavoro e delle tutele sociali del personale. I sindacati denunciano la scarsità delle azioni da parte di Ryanair e un mancato confronto di spessore in merito ai salari di tutto il personale. “Non è accettabile che sia l’azienda a scegliersi gli interlocutori sindacali, in totale spregio ai più elementari principi di rappresentatività e di libera scelta dei lavoratori sanciti dal nostro ordinamento” hanno voluto sottolineare i sindacati.

Ryanair e lo strano modo di intendere lo sciopero: sanzioni e niente aumenti

I piloti, che tramite l’l’Anpac avevano chiesto un confronto per un contratto unico nazionale per i piloti di tutte le basi italiane, sciopereranno per le condizioni di lavoro: turni lunghi, scarsa assistenza per la salute e il benessere con tutte le conseguenze negative per la sicurezza dei voli. A tutto ciò si aggiunge che la maggior parte delle volte i piloti devono lavorare con contratti a partita Iva senza garanzie e ferie non pagate, devono provvedere ai pasti e non c’è attenzione sull’alimentazione dei piloti senza contare che gli assistenti di volo devono anche guadagnare sulla vendita dei prodotti a bordo.

Ryanair, sciopero piloti: la compagnia low-cost lotta contro la sindacalizzazione

Le novità sul bagaglio a mano che fa storcere il naso

Oltre alla serrata che attende il personale per il prossimo 10 febbraio c’è anche la novità sul bagaglio a mano. Soltanto coloro che sceglieranno l’imbarco prioritario pagando 5 euro potranno portare il trolley più grande a bordo, oltre alla classica borsa piccola (si parla del bagaglio con le ruote con dimensioni massime di 55x40x20 centimetri e una borsa più piccola con dimensioni di 35x20x20 centimetri). Per tutti gli altri sarà consentito soltanto portare a bordo una borsa piccola mentre il bagaglio a mano più grande sarà stivato gratuitamente. La novità è stata presentata da Ryanair e sarà attiva dal prossimo 15 gennaio per velocizzare il processo di imbarco e sbarco ma molti utenti non apprezzano questa scelta di dover pagare per portare a bordo il trolley come era invece consentito fino a poco tempo fa.

Ryanair novità dal 15 gennaio 2018: 2 bagagli a mano in cabina, costo minore e fino a 20 Kg per quelli da stiva

E nel marasma di Ryanair, Lufthansa ne ha approfittato e ha annunciato il sorpasso della compagnia aerea irlandese con 130 milioni di passeggeri trasportati  nel 2017.

Lufthansa lancia il guanto di sfida alle compagnie low cost: Ryanair e Easyjet avvisate

Argomenti: , ,