Roubini pessimista sull’Italia di Renzi, ecco l’ultima terribile profezia

Nouriel Roubini ritiene che la luna di miele tra il premier Matteo Renzi e i mercati potrebbe finire presto, se non saranno attuate le riforme promesse.

di , pubblicato il

Partecipando nel fine settimana al workshop a Cernobbio, dal titolo “The European House – Ambrosetti”, l’economista Nouriel Roubini ha risposto alle domande del giornalista Alan Friedman sulla situazione dell’Italia e come sempre ha mostrato un’opinione in buona parte controcorrente.

Secondo Friedman, l’Italia è con Matteo Renzi all’ultima spiaggia: se vincesse Berlusconi sarebbe “un mezzo disastro”, perché nessuno lo vorrebbe vedere più in giro in Europa, ma se vincesse Beppe Grillo sarebbe “un disastro”. Al contrario, Renzi suscita aspettative, ma la luna di miele tra il premier italiano e i mercati – con borsa in crescita e spread in discesa – potrebbe durare solo qualche mese, il tempo che gli investitori verifichino se il governo riuscirà davvero a fare approvare e ad implementare le riforme promesse. Se non lo farà, le tensioni torneranno e Renzi, spiega Roubini, deve quanto prima consegnare la merce.

 

APPROFONDISCI – Roubini avverte l’Italia: Renzi è la vostra ultima carta

 

Ma l’economista si mostra un pò pessimista sulla capacità del presidente del consiglio di fare le riforme promesse, a causa dello “scarso consenso” di cui gode nel suo stesso partito, in cui alcune personalità della sinistra radicale tenteranno di bloccare il processo riformatore. Se anche Renzi fallirà, ad aspettare l’Italia ci sarà la Troika, dopo che l’Italia avrà perso accesso al mercato.

Dunque, parole non propriamente incoraggianti quelle di Roubini, noto per avere azzeccato la sua previsione sulla crisi finanziaria del 2008 e per avere definito la situazione sui mercati finanziari dell’estate 2012 una “tempesta perfetta”, in grado di travolgere l’euro in poche settimane. Quest’ultima profezia non si avverò, ma forse salvifico fu l’intervento in extremis del governatore della BCE, Mario Draghi.

 

APPROFONDISCI – Le previsioni di Nouriel Roubini sull’euro e il 2014

 

Lo spartiacque temporale profetizzato da Roubini potrebbe essere, a questo punto, la data del 25 maggio, quando si terranno le elezioni europee, in un clima di euro-scetticismo dilagante un pò in tutta Europa. Se in Italia, il risultato non dovesse essere favorevole a Renzi e se entro quel giorno non sarà realizzata almeno parte delle riforme in cantiere, i mercati potrebbero convincersi che il governo non ha la maggioranza sufficiente per andare avanti e a quel punto, la profezia di Roubini potrebbe avverarsi.

 

 

Argomenti: