Rivoluzione pagamenti digitali: addio al vecchio Pos, che cosa cambia con i nuovi smartpos

Addio al vecchio Pos, i pagamenti digitali e le strategie di marketing spingono sempre più verso gli smartpos.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Addio al vecchio Pos, i pagamenti digitali e le strategie di marketing spingono sempre più verso gli smartpos.

Rivoluzione in arrivo per i pagamenti digitali e addio al caro vecchio Pos. A sostituirli del tutto saranno gli smartpos, dei device più innovativi che permetteranno di effettuare pagamenti da smartphone e tramite e contactless card. Alcuni dispositivi sono già stati lanciati qualche mese fa ma la necessità di adattarsi ai pagamenti digitali e altri servizi legati all’innovazione stanno spingendo verso una piena diffusione. 

Che cosa cambia con gli smartpos

Nei negozi e negli esercizi commerciali il vecchio Pos è prossimo alla pensione. La diffusione degli smartpos, infatti, punta sempre più verso i pagamenti digitali e oltre a facilitare il lavoro dei negozianti, saranno semplificate le attività anche per i clienti. Oltre ai pagamenti digitali, infatti, gli smartpos danno l’accesso a vari servizi e persino a strategie di marketing. 

Tra quelli che possono utilizzare i commercianti ci sono Nexi Smartpos che accettano i pagamenti digitali, carte tradizionali, contactless, smartphone, buoni pasto e QRcode e funzionano anche con Apple Pay, Samsung Pay e Google Pay permettendo persino l’archiviazione digitale delle ricevute di pagamento, oppure Pos Axerve di Banca Sella abilitato con Apple Pay e Samsung Pay che permette di ricevere notifiche sulle transazioni effettuate mensilmente in modo da poter monitorare l’andamento della propria attività. Tra i nuovi smartpos si segnala anche Axium D7 che include i Vas value added services e i pagamenti cashless con carta, NFC, wallet, APM.

Strategie di marketing

Oltre ai pagamenti digitali questi strumenti permettono persino di pianificare delle strategie di marketing creando, ad esempio, dei bilanci commerciali o trovando dei prodotti su cui puntare per il negozio. Nexi Smartpos, in tal senso, può gestire promozioni, sconti od omaggi operando tramite le abitudini di acquisto.

Il vento digitale spinge dunque verso l’innovazione anche per i Pos. Basti pensare che secondo  i dati dell’Osservatorio Mobile Payment del Politecnico di Milano, nel 2017 il valore delle transazioni con carta è arrivato a quota 220 miliardi di euro di cui il 21% tramite modalità innovative di pagamenti digitali o mobile payment e carte contactless.

Leggi anche: Rivoluzione Bancomat: al via pagamenti digitali dall’autunno, ecco cosa cambia

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Social media e internet