Ritorno in zona gialla e coprifuoco: regioni che sperano nel cambio colore dal 26 aprile

Le regioni che sperano di tornare in zona gialla dal 26 aprile.

di , pubblicato il
Zona gialla

Dal 26 aprile più della metà delle regioni italiane potrebbero tornare in zona gialla e cambiare colore. Dalla prossima settimana per il nostro paese è prevista una piccola rivoluzione. In base al nuovo decreto in arrivo, infatti, saranno ripristinate le zone gialle. Le regioni che passeranno in questa fascia di colore non solo potranno tornare a spostarsi liberamente anche verso le altre regioni gialle, ma anche riaprire ristoranti e bar a cena all’aperto.

Regioni che possono tornare in zona gialla

Venerdì 23 aprile arriverà il nuovo monitoraggio dell’ISS che elencherà quali sono le regioni che potranno passare in zona gialla da lunedì 26 e quindi godere di tutti i privilegi indicati nel nuovo decreto Covid, di cui è da poco uscita la bozza. Va ricordato che prima di passare alla fascia gialla, le regioni dovranno prima rimanere 14 giorni in zona arancione e rossa. Ovviamente rimangono valide tutti gli altri parametri, che vanno dall’Rt inferiore a 1 e meno di 250 casi su 100mila abitanti fino al tasso di occupazione degli ospedali e terapie intensive.

In base ai dati attuali e quindi a meno di cambiamenti nelle prossime ore, a sperare concretamente nel passaggio alla zona gialla dalla prossima settimana sono la Lombardia, il Piemonte, il Veneto, il Trentino Alto Adige, il Friuli Venezia Giulia, l’Emilia Romagna, le Marche, l’Umbria, l’Abruzzo, il Lazio e il Molise. Queste regioni se tutto andrà bene, passeranno in zona gialla mentre per tutte le altre bisognerà aspettare il 3 maggio per un eventuale passaggio.

Se così andrà avremo le regioni indicate sopra in zona gialla mentre Liguria, Valle D’Aosta, Toscana, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria dovrebbero restare ancora in zona arancione.

Non è invece ancora chiaro se Sicilia e Sardegna resteranno in zona rossa o passeranno in zona arancione. In realtà per Liguria, Toscana e Basilicata ci sono ancora dei dubbi e non è detto che anche queste regioni non passeranno in zona gialla.

Coprifuoco rimane alle 22

Per almeno tutto il mese di maggio, invece, il coprifuoco rimarrà ancora fissato alle 22. Solo da giugno dovrebbe cambiare e probabilmente sarà spostato alle 23 o mezzanotte, anche se già adesso alcune forze politiche spingono per lo slittamento alle 23.

Vedi anche: Decreto covid 26 aprile, certificato verde tra regioni, riaperture e visite ai parenti: regole fino al 31 luglio

[email protected]

Argomenti: ,