Rincari vacanze 2020, cibo e non solo: dove sono aumentati di più i prezzi

Eurostat e Unione nazionale consumatori hanno fornito una guida e una panoramica sui prezzi che gli italiani potrebbero trovare nelle altre città.

di , pubblicato il
Eurostat e Unione nazionale consumatori hanno fornito una guida e una panoramica sui prezzi che gli italiani potrebbero trovare nelle altre città.

I rincari causati dall’emergenza covid 19 non riguardano soltanto l’Italia. Il potere di acquisto delle famiglie è calato a seguito del coronavirus ma le stangate sui prezzi sembrano una possibilità concreta ed estese a vari settori. Soprattutto le vacanze. 

Città più o meno care

Eurostat e Unione nazionale consumatori hanno cercato di fornire una guida e una panoramica sui prezzi che gli italiani potrebbero trovare fuori dai confini nazionali ma anche nelle città italiane. Con le vacanze alle porte, infatti, molti connazionali si sposteranno fuori dalla propria zona di residenza e potrebbero ritrovarsi a che fare con prezzi più o meno alti a seconda del posto. Per quanto riguarda l’Italia, secondo il report dell’Unione nazionale dei consumatori, il cibo più caro si trova in Basilicata, Umbria, Lazio, Calabria, Campania e Sicilia, dove durante il mese di maggio si sono registrati rincari dal 3,9% al 3,3%. Caltanissetta, Trieste, Avellino e Trapani sono invece le città più care o dove si sono registrati più rincari. All’estero è la Danimarca a vantare prezzi più alti contro Bulgaria e Romania dove in genere i prezzi rimangono bassi. 

Dove si spende meno 

Secondo Eurostat, che ha studiato i prezzi di 27 paesi e ha stilato una classifica dei più o meno cari, mentre i ristoranti danesi restano in qualche modo proibitivi, grandi affari si possono fare acquistando vestiti in Bulgaria. In Italia invece, mentre il prezzo dei generi alimentari è in linea con la media europea è conveniente acquistare prodotti di elettronica. Computer e oggetti di elettronica sono cari anche a Parigi mentre a Dublino, Helsinki o Stoccolma costano molto gli alcolici. In genere la città più cara in Europa è Copenhagen, dove tutto costa molto, dai trasporti, ai ristoranti fino all’abbigliamento.

Volete davvero spendere meno? Allora le mete ideali sono Bucarest, dove il cibo ha prezzi decisamente bassi, Sofia, dove conviene comprare vestiti, Bratislava per il costo basso dei trasporti e Varsavia dove costa poco l’elettronica.

Leggi anche: Rincari durante il lockdown: volano i prezzi, perché ci rimettono i poveri

[email protected]

 

Argomenti: ,