Rincari scuola e affitti universitari: città più care, quanto costa alle famiglie il ritorno sui banchi?

Scuola e università: quanto costa alle famiglie il ritorno sui banchi?

di Chiara Lanari, pubblicato il
Scuola e università: quanto costa alle famiglie il ritorno sui banchi?

La campanella sta per suonare nella maggior parte delle città italiane e gli studenti sono pronti a tornare sui banchi di scuola. Quest’anno il tema rincaro scuola è molto in auge e sembra andare di pari passo con quello inerente le bollette, la pasta, i trasporti, benzina e tutto ciò che rappresenta una stangata dopo il ritorno dalle vacanze. Una recente indagine di Federconsumatori ha rivelato che i costi per le famiglie che hanno figli in età scolastica, ma il discorso vale anche per gli universitari che devono far fronte agli affitti, sono aumentati. Partendo da spese base come zaini, diari, astucci, penne, libri e dizionari Federconsumatori ha stimato un rincaro dello 0,8% rispetto all’anno scorso ossia 526 euro a studente.

Leggi anche: Stangata bollette gas, energia, pasta, pane e scuola: autunno di rincari e prezzi boom

Stangata per gli italiani

Le maggiori spese sono dovute ad astucci e diari firmati per cui i genitori arrivano a spendere anche più di 30 euro anche se i costi maggiori riguardano libri di testo degli studenti delle scuole medie e superiori, per cui mediamente la spesa è di 456,9 euro, leggermente meno rispetto al 2017. Considerando una famiglia con più figli in età scolare la spesa inizia a diventare esosa. Federconsumatori stima infatti che tra libri di testo e corredo la spesa può arrivare a quasi mille euro. Cifre ancora più alte se si considerano gli studenti universitari fuorisede che arrivano a pagare 9mila euro all’anno tra vitto, alloggio e trasporti, senza considerare libri e tasse. Come fa notare Wired in un articolo, infatti, molte famiglie sono obbligate a ricorrere ai prestiti per far fronte alle spese scolastiche. Prendendo come riferimento delle indagini di Facile.it e Prestiti.it su 75mila domande di prestito nel 2017 si stima che le famiglie hanno chiesto in totale 87 milioni di euro per lo studio. La cifra richiesta è stata mediamente di 7.664 euro.

Le famiglie, insomma, sono obbligate a ricorrere ai prestiti per pagare asili nido, rette universitarie, libri, affitti e corredi vari.

Costo affitti nelle città

Tornando a parlare dei costi per gli affitti degli universitari fuori sede, la più cara in assoluto è Milano. Secondo una ricerca dell’Ufficio Studi di Immobiliare.it una stanza singola per studenti a Milano costa 543 euro al mese, il 3% in più rispetto allo scorso anno, con picchi fino a 600 e 368 euro per una stanza doppia. Tra le città più care anche Roma dove una stanza costa 428 euro e Bologna con 399 euro per una singola. Meno cari i prezzi a Pavia 285 euro, a Bari 260, a Palermo 226, e a Catania 205 sempre riferito ad una singola. Meno cari i costi per una stanza condivisa, per questo più richiesta, considerando che per la maggior parte degli studenti il costo dell’affitto ricade sulle famiglie.

Leggi anche: Imprenditore contro stagisti: “Fanno perdere tempo”, monta la polemica sull’alternanza scuola-lavoro e la manodopera a costo zero

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Scuola

I commenti sono chiusi.