Rincari prezzi del cibo: rischio aumenti in vista, perché costeranno di più

L’allarme arriva dal report “Prepare for the next surge in food prices” in cui vengono identificati tre fattori per cui i costi degli alimenti potrebbero subire rialzi.

di , pubblicato il
L’allarme arriva dal report “Prepare for the next surge in food prices” in cui vengono identificati tre fattori per cui i costi degli alimenti potrebbero subire rialzi.

I prodotti alimentari potrebbero costare di più. A lanciare l’allarme è la banca d’investimento Nomura in merito alla tendenza al ribasso che hanno subito i prezzi alimentari negli ultimi anni. Una tendenza che però potrebbe cambiare molto presto. 

Paesi più a rischio

L’allarme è stato documentato nel report “Prepare for the next surge in food prices” in cui vengono identificati tre fattori per cui i costi degli alimenti potrebbero subire rialzi, tra i fattori considerati anche i Cds sovrani e rendimenti di bond nel caso dell’aumento dei prezzi .

Nel Nomura Food Vulnerability Index viene sottolineato come tra le 50 economie più vulnerabili per l’aumento dei prezzi, gran parte di queste sono concentrate nei paesi emergenti. In particolare, tra queste troviamo Libia, Tagikistan, Montenegro, Siria e Algeria mentre Nuova Zelanda, la Costa d’Avorio, il Nicaragua, l’Irlanda e il Lussemburgo sono le economie in cui si potrebbe ottenere un beneficio dall’aumento dei prezzi. 

Colpa anche della crescita del reddito

Negli ultimi 8 anni, in particolare, i prezzi dei prodotti alimentari si sono abbassati ma ora potrebbero nuovamente crescere complici “ l’aumento della popolazione dei mercati emergenti, la crescita del reddito e l’aumento dell’appetito per più proteine”. In particolare viene sottolineato come negli ultimi otto anni, la discesa dei prezzi abbia disincentivato nuovi investimenti agricoli a cui vanno aggiunti gli eventi meteorologici estremi: “Ci sono indicazioni che i prezzi globali degli alimenti potrebbero presto iniziare a salire, dalla peste suina africana in Cina ai catastrofici incendi in Australia al crescente prezzo delle cipolle in India” viene fatto notare nel rapporto. 

Ma quali possibili effetti potrebbero avere gli aumenti dei prezzi? Innanzitutto contribuire ad amplificare politiche protezionistiche del commercio agricolo,  più speculazioni da parte degli investitori e debito  più alto nelle economie di frontiera, ma non sono da escludere neppure degli shock legati agli eventi meteo, un aumento dei prezzi del petrolio e un deprezzamento del dollaro.

Leggi anche: Rincari cenone e pranzo di Natale: allarme prezzi causa maltempo, prodotti interessati

Per rettifiche, informazioni o comunicati stampa scrivete a chiara.

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,
>