Rincari bollette luce e gas nel 2019: spread e aumenti per le famiglie, perché pagheremo di più

Spread e aumenti bollette: che cosa cambia il prossimo anno e perché si rischia di pagare di più.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Spread e aumenti bollette: che cosa cambia il prossimo anno e perché si rischia di pagare di più.

Bollette luce e gas, ancora rincari per i consumatori? Dal 1 ottobre scorso le tariffe per le bollette elettriche sono aumentate. L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) ha parlato di incrementi del 7,6% per l’energia elettrica e del 6,1% per il gas. Il confronto è stato fatto raffrontando il terzo trimestre dell’anno in corso a quello odierno.

Cosa cambia dal 2019

Le famiglie italiane, dunque, si sono trovate a dover affrontare una spesa di 552 euro, 32 euro in più all’anno, per l’elettricità, e 1096 euro per la bolletta del gas ovvero 61 euro in più l’anno. Come abbiamo più volte sottolineato, gli aumenti delle bollette sono causati dal rincaro delle materie prime energetiche e dunque l’Autorità è stata costretta a rinnovare il blocco degli oneri generali di sistema, che erano stati diminuiti a giugno per non impattare ancora più negativamente con il rincaro del costo dell’energia. L’Arera ha dunque provato a contenere i costi delle bollette ma il gettito perso nel 2018 dovrà essere recuperato l’anno prossimo e quindi vengono da sè gli aumenti dei costi per le bollette; un peso non indifferente per le famiglie italiane. In sostanza, nel 2019, i costi delle bollette rimarranno sostanzialmente alti perché, se da un lato rimarranno invariati i costi della materia prima, dall’altro lato saliranno gli oneri di sistema per recuperare il gettito mancante. Arera ha spiegato che questi aumenti “potrebbero essere modulati sulla base dell’andamento del prezzo dell’energia, con la possibilità di utilizzare eventuali congiunture positive nel corso del 2019 per accorciarne la durata, senza nel contempo gravare in maniera eccessiva sull’andamento della spesa per il servizio elettrico di famiglie e imprese”.

Leggi anche: Bollette luce e gas: ancora rincari o saremo salvi? Le novità dal 2019

Anche lo spread ha il suo peso

A tutto ciò bisogna aggiungere lo spread che nella giornata di giovedì ha superato 320 punti base. Ad avere ripercussioni saranno le bollette per quasi mezzo miliardo di euro l’anno. A tal proposito l’Arera ha iniziato una procedura per rimodulare i parametri relativi anche al crescente differenziale tra il rendimento dei BTp e dei Bund tedeschi decennali. In sostanza per le famiglie si parla di un aumento di 2 euro all’anno: 80 centesimi al Megawattora per l’elettricità e 5 cents ogni 100 metri cubi per il gas come scrive Il Sole 24 ore, ma a questi aumenti irrisori si aggiungono quelli di cui abbiamo appena parlato relativi ai costi della materia prima; vien da sé che le bollette per le famiglie italiane iniziano a diventare troppo care.

Leggi anche: Mutui, che stangata lo spread: quanto rischiano di spendere in più le famiglie italiane

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia