Rincari 2018: dalla tavola alla casa, tutti gli aumenti del nuovo anno

Non solo pedaggi autostradali, bollette luce e gas e ticket, la stangata colpisce anche la tavola.

di , pubblicato il
Non solo pedaggi autostradali, bollette luce e gas e ticket, la stangata colpisce anche la tavola.

Il 2018 è iniziato con il problema rincari per gli italiani: autostrade, bollette di luce e gas, buste per la spesa e persino sui cibi che portiamo a tavola. Un vero e proprio salasso per le famiglie e un inizio anno che si apre col botto per i costi a cui dovremo far fronte. Nello specifico gli aumenti sui prodotti alimentari confezionati riguarderanno formaggi, mozzarella, salumi, burro e via dicendo, un rincaro atteso a causa dei segnali di rialzo dei prezzi alla produzione della filiera lattiero-casearia ossia +6% latte, +8% parmigiano reggiano, +3% mozzarella vaccina.

Aumentano i costi per la tavola

Dopo la polemica sulle buste per la spesa a pagamento, che in un certo senso riguarda sempre il settore alimentare, non tarderanno ad arrivare anche quelle relative ai prodotti confezionati. Secondo un’elaborazione di Unioncamere i prezzi alla produzione dovrebbero salire del 3%, una percentuale strettamente legata ad alcune pratiche industriali. Il burro, ad esempio, ha subito un incremento del suo impiego da parte delle industrie che lo stanno preferendo al tanto discusso olio di palma. Ciò ha determinato un rincaro del 10% nel 2017. La ripresa dei prezzi delle materie prime alimentari, in sostanza, è una delle cause dei costi aumentati dei prodotti confezionati citati. Le famiglie italiane potranno però consolarsi con il calo dei prezzi dei prodotti ortofrutticoli, almeno sulla carta. Il 2017 è stato un anno orribile per il settore ortofrutticolo a causa della siccità estiva e dell’inverno freddissimo dell’anno scorso, se il 2018, dal punto di vista meteorologico, risulterà clemente anche i prezzi della frutta e della verdura scenderanno a loro volta. Sicuramente è più una speranza al momento.

Autostrade, pedaggi 2018: gli aumenti più pesanti e la mappa dei caselli più cari in tutta Italia

Gli altri aumenti

Non solo cibo ma anche bollette, autostrade e ticket. Il 2018 sarà interessato dall’aumento del 5,3% per l’elettricità e del 5% per il gas, dunque bollette più alte così come aumentano i pedaggi autostradali: Autostrade per l’Italia ha annunciato l’adeguamento tariffario che interesserà anche Autostrade Meridionali, Autovie Venet, la Torino-Milano, Milano Serravalle e la Strada dei Parchi. Altri rincari fanno riferimento alle assicurazioni auto, si parla di 25 euro secondo l’Osservatorio dell’Adusbef che ha calcolato circa 980 euro in più a famiglia in questo 2018 appena iniziato.

Altre cifre parlano di 97 per altri costi di trasporto, 49 per la Tari, 156 euro per professionisti e artigiani, 55 euro per i ticket sanitari, 18 euro per le tariffe postali e 38 euro per i servizi bancari.

Leggi anche: Stangata Capodanno: i 10 rincari maggiori per il 2018

Argomenti: ,