Riforma pensioni, quota 100 spiegata da Tria: “Temporanea ridefinizione delle condizioni per il pensionamento”

Il ministro Tria sostiene che la riforma pensioni voluta dal governo mira ad accelerare il processo di rinnovamento.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Il ministro Tria sostiene che la riforma pensioni voluta dal governo mira ad accelerare il processo di rinnovamento.

Il dubbio sorge spontaneo: quota 100 è un provvedimento destinato a rimanere anche nei prossimi anni oppure è una misura sperimentale, come lo è stato Opzione Donna? Sono destinate a suscitare numerose polemiche le ultime dichiarazioni del ministro dell’Economia Tria, che in audizione di fronte alle commissioni Bilancio di Camera e Senato ha parlato in maniera approfondita delle misure contenute nella nota di aggiornamento al Def (Documento di economia e finanza). Tria ha parlato di “temporanea ridefinizione delle condizioni per il pensionamento”, lasciando dunque intendere che quota 100 potrebbe anche cambiare o, nel peggiore dei casi, essere accantonata fin dal 2020.

Quota 100 sperimentale?

Il ministro dell’Economia ha sottolineato come un Paese intelligente quando introduce delle modifiche a un sistema complesso (il riferimento è ovviamente al sistema previdenziale italiano) deve prima di tutto vedere l’effetto che queste hanno sul Paese, per poi decidere in “quale forma e misura” continuare. In un passaggio chiave, Tria ha poi di nuovo fatto riferimento alla natura sperimentale delle misure, come riportato nel virgolettato citato dal Sole 24 Ore nell’articolo intitolato “Pensioni, Tria: ridefinizione temporanea delle condizioni”. Il ministro Tria ha aggiunto che la riforma pensioni voluta dal governo mira ad accelerare il processo di rinnovamento, consentendo a chi è avanti con gli anni di lasciare anticipatamente il lavoro e a un giovane di trovare un’occupazione stabile.

Leggi anche: Pensioni e reddito di cittadinanza: Salvini e Di Maio parlano di cifre vere

Quota 100 permanente?

La domanda è lecita perché il ministro, dopo aver parlato di temporanea ridefinizione delle condizioni per il pensionamento, ha sottolineato che in Bilancio sono stati inseriti “fondi per un intervento permanente”. Da quanto affermato prima però, le risorse economiche destinate a quota 100 non rendono quest’ultima un punto fermo anche per i prossimi anni. Soltanto dopo che l’esecutivo avrà misurato pregi e difetti della nuova forma di pensione anticipata deciderà se mantenere l’impianto della quota 100 di quest’anno oppure modificarla più avanti.

Leggi anche: Pensioni e flat tax, parla Salvini: quota 41 per i lavoratori precoci, se ne riparla nel 2019

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Pensioni, Politica, Politica italiana