Riforma pensioni, Fornero attacca: “Controriforma a debito e pensioni anticipate più povere”

Elsa Fornero di nuovo all'attacco di quota 100: il progetto previdenziale del nuovo esecutivo sarebbe una controriforma pensioni a debito.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Elsa Fornero di nuovo all'attacco di quota 100: il progetto previdenziale del nuovo esecutivo sarebbe una controriforma pensioni a debito.

Elsa Fornero è tornata ad attaccare il governo Movimento 5 Stelle-Lega Nord sulla riforma pensioni. L’esecutivo ha promosso per il prossimo anno quota 100, il meccanismo secondo cui i lavoratori potranno accedere alla pensione anticipata a partire da 62 anni con un tetto contributivo pari a 38 anni. Il provvedimento continua a far discutere e nelle ultime ore è tornata sul tema anche la professoressa Fornero, a cui si deve l’ultima riforma previdenziale dello Stato italiano varata durante il governo tecnico del premier Mario Monti, succedutosi all’esecutivo guidato dall’ex primo ministro Silvio Berlusconi.

La Fornero di nuovo all’attacco di quota 100

L’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero è intervenuta in occasione dell’evento Elle Active! ospitato dall’Università Bicocca di Milano e giunto alla sua terza edizione. La Fornero ha ribadito più volte come il progetto previdenziale del nuovo esecutivo sia una controriforma pensioni a debito, in riferimento al ricorso al deficit usufruito dal governo al fine di avere le risorse necessarie sia per quota 100 e l’altra legge simbolo (del Movimento 5 Stelle), il reddito di cittadinanza. L’economista italiana ha inoltre aggiunto come la promessa più volte sbandierata della cancellazione della riforma non sia stata mantenuta, sottolineando la natura transitoria (2019) del provvedimento.

Ti potrebbe interessare anche: Riforma pensioni e reddito di cittadinanza fuori dalla legge di Bilancio?

“Molti lavoratori si accorgeranno che la pensione anticipata è più povera”

Nel criticare l’azione di governo, Elsa Fornero ha affermato come molti di quei lavoratori che oggi desiderano andare in pensione prima del compimento dell’età pensionabile (67 anni dal 1° gennaio 2019) saranno i primi ad accorgersi di quanto la pensione anticipata sia di importo inferiore rispetto all’assegno previsto dalla pensione di vecchiaia. A questo proposito, vanno ricordate le parole che Salvini ha pronunciato di recente ospite a Ottoemezzo, attraverso cui il leader della Lega Nord e vicepremier del governo Conte ha rassicurato sul fatto che quota 100 sarà usufruibile a partire da 62 anni di età e senza penalizzazioni.

Leggi anche: Pensioni: quota 100 diventa un emendamento per partire prima?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Pensioni, Politica, Politica italiana