Decreto Riaperture 26 aprile approvato, cosa si può fare e calendario

Al via le riaperture dal 26 aprile grazie all'approvazione del nuovo decreto covid.

di , pubblicato il
Riaperture 26 aprile

Il governo ha approvato il nuovo decreto riaperture con il calendario dal 26 aprile al 31 luglio. Sciolto il nodo del coprifuoco, confermato alle 22 nonostante le ultime polemiche. In merito al coprifuoco, infatti, il provvedimento non ha fissato una data di scadenza ma si terrà l’orario delle 22 fino al prossimo monitoraggio che esaminerà i dati epidemiologici. Confermato anche lo stato d’emergenza fino al 31 luglio con lo smart working. Di seguito alcune Faq in merito alle prossime riaperture.

Spostamenti con pass e autocertificazione

Dal 26 aprile gli spostamenti saranno liberi tra regioni gialle anche per turismo mentre per spostarsi tra regioni arancioni o rosse servirà il famoso pass o certificato verde. Un documento valido 6 mesi che dovrà accertare la guarigione dal covid, la vaccinazione avvenuta o il tampone negativo.

Riapertura ristoranti e bar all’aperto e dal 1 giugno anche al chiuso

Dal 26 aprile riaprono anche ristoranti e bar a pranzo e cena in zona gialla ma solo all’aperto. Solo dal 1 giugno i ristoranti potranno aprire anche cena al chiuso sempre in zona gialla. Al tavolo si potrà restare seduti massimo in 4 a meno di non essere conviventi. Non cambia nulla per l’asporto e la consegna a domicilio che rimane possibile fino alle 22.

Decreto riaperture, visite ai parenti in 4

Cambiamenti anche per la visita ai parenti e amici, che rimane consentita una volta al giorno in zona gialla fino a 4 persone e non più 2 dal 26 aprile al 15 giugno. Stessa cosa per le zone arancioni, dove la visita sarà consentita ma solo in ambito comunale.

Riapertura dal 26 aprile anche piscine e palestre

In merito alla riapertura delle piscine e delle palestre dal 26 aprile saranno consentite le attività all’aperto anche di sport di contatto ma con il divieto all’uso di spogliatoi.

Riaprono dal 1 giugno gli stadi in zona gialla anche per eventi e competizioni agonistiche.

Riapertura cinema, musei e teatri

Sempre dal 26 aprile, riaprono cinema, teatri, sale da concerto, live-club e locali all’aperto ma si potrà stare solo seduti con posti prenotati e con un numero massimo di spettatori di 500 al chiuso e mille all’aperto. Riaprono anche mostre e musei, ma solo durante il fine settimana e con la prenotazione obbligatoria.

Riaprono anche i negozi nei centri commerciali il weekend

In zona gialla e arancione riaprono tutti i negozi e dal 15 maggio potranno riaprire anche quelli chiusi durante il fine settimana all’interno dei centri commerciali. Si legge infatti: «sono aperte le attività degli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali e altre strutture ad essi assimilabili nei giorni festivi e prefestivi».

Parchi a tema il 1 luglio

In merito alle riaperture delle fiere queste sono possibili dal 15 giugno mentre dal 1 luglio possono riprendere il via i convegni e i congressi. Solo dal 1 luglio riapriranno in zona gialla i parchi a tema e divertimento.

Vedi anche: Decreto covid 26 aprile, certificato verde tra regioni, riaperture e visite ai parenti: regole fino al 31 luglio

[email protected]

Argomenti: ,