Renzi rottama la rottamazione. L’Imu? E’ “una cambiale pagata a Berlusconi”

Il Governo discute sull’abolizione dell’Imu sulla prima casa: il Pd preme per un taglio che non salvi i ricchi proprietari

di , pubblicato il
Il Governo discute sull’abolizione dell’Imu sulla prima casa: il Pd preme per un taglio che non salvi i ricchi proprietari

Matteo Renzi ha detto la sua sulla questione più dibattuta dal nuovo governo: l’abolizione dell’Imu sulla prima casa. Il sindaco di Firenze ha definito l’imposta municipale come una “cambiale che si paga all’accordo con Berlusconi” e descrive un Paese schiavo delle tasse “In Italia si lavora fino al venti luglio per far contento il fisco”.

Io con Berlusconi ci faccio un libro, il Pd un governo

Una vena polemica contro il governo delle larghe intese (“Mi piacerebbe tanto che l’Italia tornasse ad avere il bipolarismo, con due coalizioni, una di centro destra e un’altra di centro sinistra, che si confrontano”) e quindi anche contro il Pd. “Io con Berlusconi ci faccio un libro, loro un governo”, così respinge le critiche per la scelta di pubblicare il suo nuovo libro, Oltre la rottamazione,  con Mondadori. Il titolo del libro di Renzi non si deve ad un ripensamento concettuale e di intenti del programma ma va inteso in un’accezione prettamente letterale: ”Avessimo utilizzato un’altra espressione, probabilmente non avremmo avuto la visibilità ottenuta con ‘rottamazione’, ma è anche vero che in una comunità come quella italiana, dove il 70 per cento della popolazione è over 40, forse l’impatto è stato eccessivo. Ho impaurito. Dunque ho sbagliato”. Ma Renzi esclude categoricamente l’ipotesi di un partito suo: “In Italia di partiti ce ne sono già troppi e poi non sopporto chi si fa il partitino personali solo per una sua convenienza”. Il sindaco di Firenze non aspira neppure alla poltrona da segretario del Pd “Il problema non è cosa voglio fare io ma cosa vuole fare il partito. Il Pd è in grado di fare delle proposte per il Paese o si deve limitare ad andare al rimorchio delle proposte di Berlusconi? Voglio dare una mano al mio partito perché smetta di preoccuparsi solo di quello che fa Berlusconi e provi a ragionare su cosa serve”.

 

Fassina: innalzare la detrazione Imu sulla prima casa

Intanto sull’Imu dice la sua anche il Pd. Il viceministro Fassina propone di alzare la detrazione Imu prima casa come alternativa all’abolizione. In questo modo, dice, l’85% degli italiani non pagherebbe l’imposta per la prima casa ma l’esenzione non riguarderebbe i ricchi proprietari.  

Argomenti: