Regioni che rischiano la zona arancione dal 7 gennaio

Dal 7 gennaio torna il sistema regionale basato sui colori e alcune rischiano di passare alla zona arancione.

di , pubblicato il
Regioni che rischiano la zona arancione dopo l'Epifania

Dal 7 gennaio oltre alla fine delle restrizioni, si tornerà al sistema dei colori per le singole Regioni. Dal 31 dicembre al 3 gennaio, l’Italia sarà una intera zona rossa, il 4 gennaio una zona arancione e il 5 e 6 gennaio di nuovo una zona rossa. 

Si torna al sistema dei colori per le Regioni, chi rischia

Finite le feste di Natale si riprenderà con il normale sistema a colori basato sui contagi regionali. Questo significa che il Governo, in base all’Rt delle Regioni e il numero di contagi deciderà dove inserirle. In base all’ultimo report del 23 dicembre, alcune Regioni rischiano di più di passare subito dalla zona gialla alla zona arancione

Si tratta di Veneto e Puglia, che sono state classificate a rischio alto. Senza contare che il Veneto, fino ad oggi, è sempre rimasto in zona gialla. Sempre in base all’ultimo report dell’Iss, 9 Regioni erano a rischio alto/moderato: oltre a Veneto e Puglia, inserite in questa lista, anche Liguria, Marche e Umbria venivano classificate a rischio alto mentre Emilia Romagna, Molise, Provincia di Trento e Valle D’Aosta rischio moderato ma con più possibilità di passare al rischio alto.

Attesa per il prossimo bollettino 

Ora si dovrà attendere il prossimo bollettino, che arriverà entro questo fine settimana ma se non sarà cambiato nulla, queste Regioni rischiano di diventare subito arancioni già a partire dal 7 gennaio. Il caso del Veneto, in particolare, è quello che preoccupa di più, anche se il Governatore Luca Zaia, ha parlato di incremento basato sul numero di tamponi effettuati. 

Fino al 6 gennaio, compreso, tutte le Regioni italiane resteranno nella fascia unica nazionale che prevede regole unificate. Dal 7 gennaio, però, si torna al vecchio sistema ed è quasi certo che ci saranno nuovamente passaggi in arancione e rosso per evitare subito una terza ondata a gennaio, un mese considerato ad alto rischio, anche perché si vedranno gli effetti delle restrizioni durante le vacanze voluti dal Governo.

Vedi anche: Capodanno in zona rossa: controlli straordinari del Viminale e regole

[email protected]

Argomenti: ,