Referendum Brexit, lo “scenario horror” temuto dalla UE riguarda anche l’Italia

Scenario horror per la UE con la Brexit e la vittoria di populisti. I sondaggi confermano l'avanzata dei "Remain" al referendum di giugno.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Scenario horror per la UE con la Brexit e la vittoria di populisti. I sondaggi confermano l'avanzata dei

Scenario dell’orrore per la UE con Brexit e populisti al governo La sterlina sale ai massimi contro l’euro da quasi 4 mesi a un cambio di 0,76356, guadagnando l’1,5% in appena 4 giorni. Il rafforzamento del pound è dovuto alle minori tensioni sui mercati per il rischio Brexit, in attesa che venga celebrato il referendum del 23 giugno, che sancirà la permanenza o meno del Regno Unito nella UE. Stando ai sondaggi, le probabilità di un divorzio sarebbero molto basse. Per ORB, i “Remain” sarebbero al 55% e i “Leave” al 42%, tra quelli che hanno dichiarato che andranno a votare. Tra tutti i potenziali elettori, poi, i primi condurrebbero con un vantaggio di 20 punti percentuali. Dunque, il 24 giugno non ci dovremmo svegliare con una rottura delle istituzioni comunitarie. Eppure, sale il livello dello scontro tra Londra e Bruxelles. Ieri, Martin Selmayr, il capo dello staff del presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha twittato parole pesanti contro uno dei principali sostenitori della Brexit, l’ex sindaco di Londra, Boris Johnson, sostenendo che il pianeta rischierebbe uno “scenario dell’orrore”, se al G7 siederanno Donald Trump per gli USA, Johnson per il Regno Unito, Marine Le Pen per la Francia e Beppe Grillo per l’Italia. Lo stesso Juncker ha replicato all’ex sindaco londinese, seppur con parole pacate, invitandolo a tornare a vivere a Bruxelles, dove ha vissuto parte della sua vita, per testare con mano se davvero la UE sarebbe come la Germania nazista. Il riferimento è a una battuta di Johnson, secondo cui oggi sarebbe in atto un tentativo di unificare l’Europa, come da ultimo aveva cercato di fare Adolf Hitler.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Brexit, Economia Europa