Rc auto 2020: prezzi in calo (quasi) per tutti

Come cambia l'assicurazione auto nel 2020, il profilo degli automobilisti che pagherà un premio assicurativo più alto.

di , pubblicato il
Come cambia l'assicurazione auto nel 2020, il profilo degli automobilisti che pagherà un premio assicurativo più alto.

Il mese di dicembre appena trascorso ha visto le tariffe Rc auto scendere ancora. Il costo medio per l’assicurazione pagato da ciascun automobilista italiano è stato pari a 536,16 euro, con una flessione di quasi 8 punti percentuali rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

La rilevazione è del comparatore online Facile.it, tramite il noto osservatorio Rc auto. Il dato si basa sui prezzi di oltre 8 milioni di preventivi di rinnovo online richiesti dagli automobilisti nell’ultimo mese del 2019. Il nuovo anno vedrà però l’incremento del prezzo Rc auto per 1,2 milioni di automobilisti. La maglia nera spetta a donne e pensionati, che hanno denunciato lo scorso anno un sinistro con colpa in percentuale maggiore rispetto a quanto fatto dagli uomini.

Il profilo degli automobilisti che nel 2020 pagherà un premio assicurativo più alto

Secondo quanto riportato dall’osservatorio Rc auto del noto comparatore online Facile.it, il 3,76% del campione analizzato ha dichiarato nel 2019 un sinistro con colpa, un dato percentuale che comporta un peggioramento della classe di merito per 1,2 milioni di automobilisti italiani. Stando sempre alle percentuali espresse dall’osservatorio del sito Facile.it, la percentuale di uomini che ha denunciato un sinistro stradale è pari al 3,51%, mentre si arriva al 4,18% tra le donne. Se si prende come riferimento invece l’età, la percentuale sale fino al 4,83% tra gli automobilisti che hanno compiuto più di 70 anni, mentre i più virtuosi sono a sorpresa i neo-patentati (dai 18 ai 21 anni), la cui percentuale è ferma al 2,12%.

Pensionati, insegnanti e medici i più distratti

La categoria che ha denunciato più sinistri con colpa è quella dei pensionati (4,55%), seguita da insegnanti (4,25%) e medici (4,09%). Nel fondo della classifica si trovano invece gli studenti (2,15%), gli appartenenti alle forze armate (2,92%) e i disoccupati (2,94%).

Leggi anche: Rincari bollette e spesa: nel 2020 stangata per le famiglie

Rincari Rc Auto: ora aumentano anche i costi delle polizze online

Per rettifiche, domande, informazioni o comunicati stampa scrivete a [email protected]

Argomenti: ,