Raccolta firma per cacciare Berlusconi dal Parlamento: ecco come fare

Una firma per poter cacciare definitivamente Silvio Berlusconi dal Parlamento

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Una firma per poter cacciare definitivamente Silvio Berlusconi dal Parlamento

Silvio Berlusconi era uno degli ineleggibili secondo la legge 361 del 1957 che è stata violata poichè l’articolo 10 di tale legge dichiara che non sono eleggili “coloro che in proprio o in qualità di rappresentanti legali di società o di imprese private risultino vincolati con lo Stato per contratti di opere o di somministrazioni, oppure per concessioni o autorizzazioni amministrative di notevole entità economica”. La motivazione data nel 1994 dalla maggioranza del centrodestra e nel 1996 dalla maggioranza del centro sinistra, è che  “l’inciso ‘in proprio’ doveva intendersi ‘in nome proprio’, e quindi non applicabile all’on. Berlusconi, atteso che questi non era titolare di concessioni televisive in nome proprio”. Ovviamente l’interpretazione data alla legge in questione è a proprio uso e consumo,  poichè “ciò che conta è la concreta effettiva presenza dell’interesse privato e personale nei rapporti con lo Stato”. Tanto è vero che la “legge Mammì” del 6 agosto 1990, n° 223 sulla disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato stabiliva all’art. 12 il “Registro nazionale delle imprese radiotelevisive” scrisse Ettore Gallo, presidente della Corte Costituzionale, e all’art. 17 comma 2 faceva una precisazione “qualora i concessionari privati siano costituiti in forma di società per azioni ecc. … la maggioranza delle azioni aventi diritto di voto e delle quote devono essere intestate a persone fisiche, o a società ecc. … purché siano comunque individuabili le persone fisiche che detengono o controllano le azioni aventi diritto al voto” Dopo 20 anni questa battagli sulla legalità della presenza di Silvio Berlusconi in Parlamento ancora non si è risolta, e MicroMega sta avviando un raccolta di firme online di tutti i cittadini che sono interessati a far cacciare Silvio Berlusconi dal Parlamento Italiano. Di seguito troverete il fac-simile che potrà essere compilato da ogni elettore di colleggio senatoriale in cui sarà eletto Silvio Berlusconi entro 20 giorni dalla proclamazione degli eletti. FACSIMILE DI ESPOSTO (con firma autenticata presso notaio o ufficio del Comune) da parte dei cittadini elettori della Circoscrizione del Senato per la quale avrà optato Berlusconi Al Presidente del Senato della Repubblica Al Presidente della Giunta delle elezioni del Senato della Repubblica Oggetto: ineleggibilità di un neo-eletto al Senato della Repubblica Il sottoscritto ***** *******, nato a ***** (prov. di *****) il */**/**** e residente a *******, via ************ n.** premesso che sono iscritto alla lista elettorale della Circoscrizione ******** premesso che alle elezioni del 24 e 25 febbraio 2013 in detto Collegio risulta eletto Senatore il signor Berlusconi Silvio tenuto conto che il signor Berlusconi Silvio è il referente economico di una società concessionaria di frequenze televisive e che pertanto si trovava e si trova in condizioni di ineleggibilità al Parlamento italiano secondo l’articolo 10, comma 1, numero 1 del DPR 30/3/1957 n°361 chiedo che sia dichiarata l’ineleggibilità del signor Berlusconi Silvio da membro del Senato della Repubblica e la conseguente decadenza dal mandato. Con ossequio ****** ********** lì, ******* **marzo 2013 (1 marzo 2013)  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica