Quelli che aspettano la flat tax: a chi conviene davvero la riforma fiscale?

Le prossime settimane saranno decisive, a chi converrà davvero la flat tax?

di Chiara Lanari, pubblicato il
Le prossime settimane saranno decisive, a chi converrà davvero la flat tax?

“Impossibile da realizzare. Promesse, solo promesse”. L’accoglienza della flat tax da parte delle opposizioni in campagna elettorale non era stata delle più calorose. Se poi la flat tax si è rivelata – insieme al reddito di cittadinanza – l’elemento che ha permesso al Centrodestra di avvicinare il 40 per cento è un’altra storia. Dopo aver perso per strada Forza Italia, la Lega ha mantenuto fede alla promessa agli elettori della coalizione liberale in occasione delle elezioni del 4 marzo scorso, inserendo la riforma fiscale all’interno del contratto di governo firmato con il Movimento 5 Stelle. Arrivati alle porte di settembre, della flat tax si hanno poche certezze. In tal senso, le prossime settimane saranno decisive.

A chi conviene la flat tax?

Sulla carta, la flat tax va ad introdurre un’aliquota fissa per tutti i contribuenti italiani. La percentuale citata più e più volte è pari al 15 per cento. Significa che indipendentemente dal guadagno – 10 mila o 100 mila euro – vado a pagare le tasse sulla base della medesima aliquota. Ad oggi, invece, in Italia così come nelle altre economie avanzate, esiste l’aliquota progressiva, che aumenta in proporzione al reddito percepito.

Leggi anche: Pensioni, reddito di cittadinanza e flat tax: autunno di fuoco per il governo, le tappe verso la legge di Bilancio

Le parole di Salvini

Il contribuente che oggi guadagna 100 mila euro va a pagare più tasse rispetto ad un contribuente che percepisce 10 mila euro. Va da sé che un’aliquota al 15 per cento andrebbe a favorire in misura maggiore chi fino ad oggi ha pagato più tasse in proporzione al reddito famigliare o l’utile dell’azienda. In particolare, godrebbero di benefici sensibili coloro che percepiscono uno stipendio pari o superiore ai 2.500 euro netti al mese. Per gli altri, invece, il guadagno sarebbe soltanto di poche centinaia di euro all’anno. In attesa di avere aggiornamenti sul fronte caldo della flat tax, segnaliamo le recenti dichiarazioni che Matteo Salvini ha rilasciato da Venezia nel corso della giornata di ieri sul rilancio dell’economia italiana: “Non faremo miracoli ma daremo le prime risposte”.

Mini flat tax: perché essere Partita Iva adesso conviene davvero

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Politica, Politica italiana

I commenti sono chiusi.