Quanto costa trasferirsi all’estero: le città più care e più economiche dove vivere

Città più care e meno care: ecco dove conviene vivere e trasferirsi all'estero secondo Nestpick.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Città più care e meno care: ecco dove conviene vivere e trasferirsi all'estero secondo Nestpick.

Trasferirsi all’estero e cambiare vita è il sogno di molti ma quanto costa a conti fatti? Se si ha in mano un progetto concreto, il fatto di trasferirsi in un altro paese può essere meno traumatico ma partire con qualche soldo in tasca senza sapere realmente a cosa si andrà incontro deve essere ponderato con precisione prima di fare il grande passo. A darci una mano arriva Nestpick, il motore di ricerca con sede a Berlino per appartamenti in affitto ammobiliati, che grazie ad una ricerca ha analizzato quali sono tutti i costi da sostenere per chi trasloca all’estero. Il primo anno, come riporta Business Insider, è il più difficile di tutti e il report del motore di ricerca lo dimostra con la classifica delle città più care ed economiche in cui conviene davvero trasferirsi. Sono 80 per la precisione le città considerate in tutto il mondo, si tratta di quelle che attraggono più millennials per le opportunità di lavoro, cultura, università e start-up.

Quali sono le città più care

Per stilare la classifica in oggetto, Nestpick ha preso come riferimento non solo il prezzo dell’affitto nelle varie città, ma anche altre voci di spesa che possono influire o meno sul  costo della vita. Tra questi, ad esempio, quanto bisogna sborsare per documenti, vitto, tasse, internet e telefono nonché la spesa per il trasloco. Tra le città più care ma anche tra le più gettonate dai giovani, c’è Hong Kong, che vince per il prezzo del visto, piuttosto economico (20,70 euro) mentre la Nuova Zelanda, al contrario, ha costi molto alti, circa 1870 euro con tempi di consegna piuttosto lunghi. San Francisco è la città dove gli affitti costano più cari, più di 2mila euro al mese a persona, mentre Dubai, città del lusso, è la meno economica per quanto riguarda i costi internet (94,66 euro), non da meno l’esosa Svizzera con Zurigo; qui i costi telefonici si aggirano sui 91 euro. Zurigo si conferma la più cara anche per i costi del cibo, circa mille euro, mentre per i trasporti meglio farsi due conti se si decide di trasferirsi in Gran Bretagna, dove si spendono circa 143,85 euro. Meno cara per gli affitti è Bangalore, in India: il costo medio è di circa 137 euro al mese, per le spese di internet e telefono le più convenienti sono Mosca e Varsavia, con 4,77 e 4,67 euro. Per mangiare la regina è ancora Bangalore, dove bastano 218 euro, mentre per muoversi la città meno cara è Il Cairo.

In soldoni la città più cara per traslocare è Dubai: qui vivere, almeno il primo anno, può arrivare a costare 3.632 euro al mese. Altrettanto care sono Auckland, in Nuova Zelanda, San Francisco, New York, Londra, Sydney, Oslo, Zurigo, Tel Aviv e Amsterdam.

E le meno care, quindi le più convenienti?

Tra le città dove trasferirsi può essere conveniente vince su tutte il Cairo, dove i costi mensili si aggirano sui 560 euro grazie agli affitti bassi. Economiche sono pure Bangalore, Bucarest, Budapest, Riga, Città del Messico, Sofia, Praga, Medellin, Kuala Lumpur e Varsavia. In tutte queste città il costo della vita è basso e dunque chi sogna di lasciare l’Italia per rifarsi una vita fuori dai confini nazionali potrebbe trovare conveniente ricominciare in una di queste mete.

Leggi anche: La classifica delle città dove i dipendenti guadagnano di più e si vive bene

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia, Economia USA, Social media e internet