Qualità della vita: classifica 2018, Bolzano in testa, male Roma e Firenze

Torna l'annuale classifica sulla qualità della vita in Italia. Ecco dove si vive meglio e quali parametri sono stati considerati. Bolzano ancora regina.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Torna l'annuale classifica sulla qualità della vita in Italia. Ecco dove si vive meglio e quali parametri sono stati considerati. Bolzano ancora regina.

Italia Oggi (quotidiano economico di Class Editori), in collaborazione con l’Università Sapienza di Roma, ha pubblicato la classifica 2018 delle province italiane dove c’è una migliore qualità della vita. Come lo scorso anno, Bolzano si conferma al primo posto della graduatoria, seguita dalle province di Trento e Belluno. Le due perle del Trentino Alto Adige e la provincia veneta con le Dolomiti e la bellissima Cortina d’Ampezzo sono le migliori zone in cui poter vivere oggi in Italia. Rispetto a 12 mesi fa, invece, Roma e Firenze perdono diverse posizioni, scivolando nella seconda metà della classifica. Emerge che è il Nord Est la parte d’Italia dove si vive meglio e come sempre conta anche l’economia visto che tra i parametri considerati figura anche il tenore di vita dei cittadini.

Bolzano regina insieme a Trento e Belluno

L’aria delle Dolomiti fa bene. Il Patrimonio dell’Umanità Unesco accomuna le prime tre province della classifica 2018 sulla qualità della vita redatta da Italia Oggi. Le posizioni sono invariate rispetto allo scorso anno, quando tutte e tre le province qui elencate avevano occupato l’ambito podio. Meta ogni anno del turismo estivo e invernale, Bolzano Trento e Belluno conservano una qualità della vita ad oggi inarrivabile dalle altre province italiane. Alzi la mano chi non vorrebbe vivere 12 mesi all’anno in uno splendido chalet con vista sulle Dolomiti.

Dal quarto al decimo posto: Siena ai piedi del podio

La provincia di Siena occupa la quarta posizione, in crescita di ben 7 posizioni rispetto allo scorso anno, quando era finita ai margini della top 10. Cresce anche la provincia di Pordenone, che nella classifica di quest’anno raggiunge la quinta posizione, scalando quattro posti in dodici mesi. Sesta posizione per Parma, che si conferma nelle prime dieci province italiane che vantano una qualità della vita superiore rispetto alle altre (+1 rispetto allo scorso anno). Al settimo e all’ottavo posto troviamo invece Aosta e Sondrio, protagoniste di un salto in avanti importante, considerate le posizioni di partenza iniziali (18° e 16° posto). Scivola invece in nona posizione (-5) la provincia di Treviso, seguita a ruota da quella di Cuneo.

Roma a picco, male Firenze

Su un totale di 110 province italiane, la provincia di Roma occupa l’87° posto, in calo di ben 18 posizioni negli ultimi dodici mesi. Il quadro dipinto da Italia Oggi è desolante: “rifiuti, buche stradali e manutenzione delle strade” sono 3 dei fattori che hanno inciso in maniera negativa sul posizionamento di Roma nella classifica 2018 sulla qualità della vita. Va a fondo anche Firenze, che occupa il 54° posto dopo aver registrato la 37^ posizione lo scorso anno. Non va troppo bene neppure per città come Milano che è è al 55° posto e Torino che è al 78 posto.

Le ultime della classifica: Palermo, Napoli e Vibo Valentia

Nelle ultime cinque posizioni della graduatoria stilata da Italia Oggi figurano le province di Palermo (106), Napoli (108) e Vibo Valentia (110), con quest’ultima che occupa l’ultima posizione. Tra i più importanti elementi su cui si basa Italia Oggi per redarre la classifica annuale sulla qualità della vita sono: lavoro, criminalità, sistema salute, tenore di vita e disagio sociale.

Ti potrebbe interessare anche: Paesi migliori del mondo in cui vivere: la classifica 2018 sulla qualità della vita

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Social media e internet