'Psicosi Coronavirus: le aziende che senza volerlo ci stanno guadagnando

Psicosi Coronavirus: le aziende che senza volerlo ci stanno guadagnando

Il coronavirus ha spinto milioni di persone a restare a casa ed alcune aziende ci stanno guadagnando.

di , pubblicato il
Il coronavirus ha spinto milioni di persone a restare a casa ed alcune aziende ci stanno guadagnando.

L’emergenza coronavirus ha letteralmente mandato in tilt l’economia italiana, soprattutto ristoranti, locali, turismo e tutte quelle attività che ci stanno rimettendo a causa del covid 19, anche se per ora fare previsioni è eccessivo. Ci sono però delle aziende che, al contrario, stanno guadagnando da questa situazione.

Netflix, Amazon, Facebook ci stanno guadagnando

Ad avere un certo beneficio dal fatto che le persone restano chiuse in casa sono tutte quelle aziende digitali come Netflix, Amazon, Facebook e via dicendo. Il motivo è abbastanza semplice, le notizie continue e i dati sui contagi, spingono molte persone a preferire di restare chiuse in casa piuttosto che uscire e fare la vita che facevano fino a 10 giorni fa. Quindi, invece di affollare centri commerciali, cinema, locali e ristoranti, gli italiani restano a casa a navigare sul web o sui social, guardare film e serie tv. Tutto a beneficio di quelle aziende come Netflix, che secondo gli analisti hanno ottenuto dei vantaggi. Basti pensare che proprio Netflix, la settimana scorsa avrebbe aumentato le proprie azioni dello 0,8 per cento. Come il noto servizio di streaming anche Facebook, Amazon e Slack, beneficiano del fatto che le persone restano a casa e ciò ha un impatto sul sovraperformance dei prezzi delle azioni.

Il caso Disney

Come riporta Agi, invece, è diverso il discorso per la Disney che è stata costretta a chiudere due parchi a tema anche a Tokyo, dopo quelli di Shanghai e Hong Kong. Si tratta di Disneyland e DisneySea che resteranno chiusi fino al 15 marzo per seguire le misure straordinarie legate al coronavirus. In tal senso, la perdita economica è importante, considerando le entrate che i due parchi portano alla Disney, che a questo punto può puntare su Disney+, la piattaforma di contenuti in streaming e giocare sulla ritrovata voglia delle persone di restare a casa.

Leggi anche: Smart working e coronavirus: cosa cambia per le aziende fino al 15 marzo

Smart Working e lavoro agile: i costi nascosti per chi lavora da casa

[email protected]

Argomenti: ,