Proteste dei ristoranti contro il Dpcm: la rivolta social con #ioapro

I ristoranti protestano per il nuovo Dpcm e in tanti aderiscono all'iniziativa #ioapro.

di , pubblicato il
Proteste ristoranti

Mentre è stato approvato il nuovo Dpcm che entrerà in vigore dal 16 gennaio, per la giornata del 15 gennaio i ristoratori hanno organizzato una protesta denominata #ioapro, in cui, chi ha deciso di aderire, non si atterrà più alle regole del Dpcm e in particolare alle regole relative alle fasce orarie imposte. 

L’iniziativa Ioapro

Tutto è partito da un post di Facebook pubblicato da un ristoratore cagliaritano, Maurizio Stara del pub Red Fox: “Non spengo più la mia insegna, io apro. La nostra è una protesta pacifica volta a dimostrare il nostro senso di responsabilità e la nostra capacità di rispettare e far rispettare le regole di prevenzione del Covid-19”. Grazie al passaparola, il post del ristoratore ha avuto una certa risonanza e in tanti hanno iniziato ad aderire alla protesta. Da Nord a Sud sono migliaia i ristoratori che hanno deciso di seguire l’esempio. 

Come funziona

A spiegare come sarà organizzato il lavoro è stato uno dei ristoratori aderenti, che ci ha tenuto a precisare, come riporta La Repubblica:

Noi rispetteremo tutte le norme Covid, non siamo negazionisti e ci teniamo a dirlo. Riapriamo per sconfessare il rischio di chiusura totale e così abbiamo stabilito un piccolo vademecum di regole a cui attenersi: distanza tra i tavoli doppia rispetto a quanto stabilito dalla legge, osservanza rigida delle norme anti Covid-19, conti al tavolo entro le 21,45 e, per i primi tre giorni, ai clienti che sceglieranno di supportarci sarà permesso, a fronte di un regolare scontrino, di pagarci con un’offerta libera. Altra regola su cui non deroghiamo, è il rispetto nei confronti delle forze dell’ordine con cui avremo eventualmente contatti.

Ricordiamo, infatti, che con il nuovo Dpcm i ristoranti possono tenere aperti fino alle ore 18 nelle regioni gialle e poi solo per l’asporto fino alle ore 22 mentre restano aperti solo per l’asporto nelle regioni arancioni e rosse. La pandemia ha fortemente danneggiato il settore della ristorazione e il nuovo decreto, che dovrebbe essere valido fino al 5 marzo con le stesse regole rischia di rendere ancora più drammatica la situazione di questo settore.

Vedi anche: Nuovo Dpcm del 16 gennaio e divieto spostamento tra regioni

[email protected]

 

Argomenti: ,