Produzione industriale in calo a giugno, altro dato negativo dopo la disoccupazione

Produzione industriale in calo a giugno sia su base mensile (-1,1%) che annua (-0,3%). Dopo la risalita del tasso di disoccupazione, è il secondo dato negativo per l'economia italiana per lo stesso mese.

di , pubblicato il
Produzione industriale in calo a giugno sia su base mensile (-1,1%) che annua (-0,3%). Dopo la risalita del tasso di disoccupazione, è il secondo dato negativo per l'economia italiana per lo stesso mese.

Secondo l’Istat, la produzione industriale in Italia a giugno è diminuita dell’1,1% sul mese di maggio e dello 0,3% su base annua, se l’indice viene corretto per il calendario (21 giorni lavorativi 2 mesi fa contro i 20 del giugno 2014). Il dato grezzo segnala, invece, un aumento tendenziale del 2,9%. Quello relativo ai primi 6 mesi dell’anno segna un progresso dell’1%, il dato corretto limita il miglioramento a un più contenuto 0,4%. Nel trimestre aprile-giugno, la produzione industriale in Italia è cresciuta dello 0,4% sui 3 mesi precedenti (dato destagionalizzato). La crescita tendenziale maggiore si è registrata nella costruzione di mezzi di trasporto (+13,7%), fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+11%) e prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+6,1%). Il calo peggiore si è avuto nelle attività estrattive (-9,8%), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (-6,5%) e altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine e apparecchiature (-4,9%). Giugno si conferma, quindi, un mese complessivamente negativo per l’economia italiana, se si considera che anche il tasso di disoccupazione è salito su base mensile dello 0,2%, registrando un balzo tra i giovani ed evidenziandosi anche un calo dell’occupazione. A maggio, la percentuale dei senza lavoro era diminuita, così come si era avuto un incremento congiunturale e tendenziale della produzione industriale.   APPROFONDISCI – Istat, produzione industriale cresce a maggio del 3% annuo e dello 0,9% mensile    

Argomenti: