Prezzi dello zucchero in calo del 40%? Vediamo perché da oggi è possibile

Liberalizzata la produzione di zucchero, che da oggi dice addio al sistema delle quote nella UE. I prezzi potrebbero crollare fino al 40%.

di , pubblicato il
Liberalizzata la produzione di zucchero, che da oggi dice addio al sistema delle quote nella UE. I prezzi potrebbero crollare fino al 40%.

Finisce un’era in Europa, quella delle quote per la produzione di zucchero nei 28 stati UE. Da oggi, l’imposizione introdotta nel 2006 viene meno e, pertanto, i produttori potranno coltivare e vendere tutto lo zucchero che vorranno. Si stima che le esportazioni dovrebbero raggiungere le 2,2 milioni di tonnellate per la prossima stagione.

La Francia, che insieme alla Germania è tra i primi produttori, arriverebbe a triplicare le proprie esportazioni a 1 milione di tonnellate. (Leggi anche: Zucchero come quote latte? Trema il settore)

La UE rappresenta il 10% dell’offerta mondiale di zucchero. Evidente, che la fine delle quote impatterà notevolmente anche sul mercato globale, a maggior ragione che questa novità arriva in coincidenza con un crollo del 28% per le quotazioni della materia prima quest’anno, il risultato peggiore tra le 22 commodities monitorate da Bloomberg. E Rabobank stima in un +23% la produzione UE della stagione prossima. Insomma, vi sarebbero tutti gli ingredienti per prevedere un possibile tonfo dei prezzi dello zucchero, a beneficio diretto del consumatore europeo, così come dell’industria farmaceutica, oltre che di quella alimentare, che ne fanno impiego.

Si consideri che attualmente il prezzo dello zucchero per tonnellata nella UE si aggira sui 500 euro, mentre al livello internazionale, si attesta a meno di 310 euro. Dunque, venendo meno le restrizioni dell’ultimo decennio, i prezzi europei tenderanno a quelli del resto del mondo, con un crollo potenziale del 40%. Possibile anche, però, che la sovrapproduzione interna venga scaricata, come abbiamo anticipato, sulle esportazioni, per cui il calo dei prezzi sarebbe più contenuto.

La UE consente alle sue raffinerie di importare zucchero senza dazi da alcune economie in via di sviluppo e a tariffe agevolate da altre. A beneficiare di queste condizioni di favore risulta, in particolare, il Brasile, che anche in qualità di ex colonia del Portogallo, può esportare verso la UE fino a un ammontare massimo di zucchero a dazio zero. Di certo, con oggi si chiude un’era nella storia dell’agricoltura europea, dopo che già da un paio di anni sono state eliminate anche le odiate quote latte, anche se la UE è dovuta intervenire per sovvenzionare i titolari delle stalle con un esborso di un miliardo di euro.

Accadrà lo stesso con i coltivatori della barbabietola?

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,
>