Prezzi delle case: dove vanno i giovani che scappano dalle metropoli

I giovani fuggono dalle città e preferiscono le periferie, colpa dei prezzi delle case alle stelle.

di Chiara Lanari, pubblicato il
I giovani fuggono dalle città e preferiscono le periferie, colpa dei prezzi delle case alle stelle.

Il trend si è ribaltato. I giovani fuggono dalle città e le grandi metropoli invecchiano. Un tempo erano i giovani a lasciare le periferie per trovare l’oro nelle big cities mondiali, oggi, complici i prezzi delle case alle stelle, i millenials sembrano preferire le periferie stravolgendo un po’ tutto quello che era stato fino ad oggi.

Perché i giovani fuggono dalle città

Secondo un articolo de Il Sole 24 ore, i prezzi delle abitazioni di molte grandi realtà mondiali hanno allontanato i giovani. Un esempio che vale per tutti è Londra, secondo cui l’Ufficio Nazionale di Statistica, l’età media di un cittadino è aumentata di un anno tra il 2011 e il 2016 e i costi alle stelle delle abitazioni hanno influito. Stessa sorte per città come New York e Hong Kong, dove addirittura l’età media è cresciuta di quasi 2 anni. Sempre secondo i dati dell’’Ufficio Nazionale di Statistica, mentre i giovani migrano verso altri lidi, gli anziani restano in città e lo dimostra il fatto che gli arrivi sono precipitati quasi di un terzo e gli addii sono aumentati fino alla cifra di 17mila del 2016.

Si tratta soprattutto di giovani nella fascia di età compresa tra 30 e 34 anni mentre il numero di abitanti anziani è cresciuto del 12%. E’ un trend interessante; un tempo era la fascia tra i 55 e i 64 anni quella che, dopo la pensione, preferiva lasciare il caos cittadino per le tranquille periferie, oggi sono i giovani ad abbandonare le metropoli e molto spesso alla base di queste scelte ci sono i costi degli immobili. Per le nuove generazioni si tratta di non poter mantenere una casa in centro mentre per gli over 60 di non poter pagare le case di riposo situate fuori città. Basti pensare che un giovane che si trova a dover acquistare una casa a Londra deve sborsare un acconto di 93.139 sterline. Stessa situazione anche per altre grandi città che da sempre hanno attratto i più giovani. A New York i prezzi delle case sono aumentati del 62% ossia 8,5 volte in più rispetto al reddito medio (gli appartamenti studio di Brooklyn sono arrivati a costare anche 1,575 milioni di dollari), a Hong Kong i prezzi sono cresciuti del 45% ma 19,4 volte in più rispetto al reddito mentre a Sydney ormai alcuni appartamenti costano 1,5 milioni di dollari australiani anche nei quartieri periferici più trendy.

Dove vanno i giovani

Tornando all’esempio di Londra, i giovani tra 25 e 34 anni sono aumentati solo del 2,9% rispetto al 17% di città come Edimburgo e Glasgow, il 18% di Newcastle e il 26% di Exeter. La preferenza, insomma, è per città di medie dimensioni. In Australia a Sydney, i giovani preferiscono Parramatta, Newcastle mentre da New York i millennials sembrano traslocare verso città non troppo lontane come Ithaca nello stato di New York. E la motivazione sembra la stessa per tutti: qui possono lavorare, pagare l’affitto e vivere.

Leggi anche: Che cos’è il salario giovanile anti-bamboccioni che sta spopolando in Svizzera

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia USA

I commenti sono chiusi.