Previsioni economiche 2014: ecco le ultime stime dell’FMI

Le nuove stime dell'FMI sul Pil di Italia, Usa, Giappone e Eurozona

di , pubblicato il
Le nuove stime dell'FMI sul Pil di Italia, Usa, Giappone e Eurozona

Il Fondo Monetario Internazionale ha pubblicato il suo consueto rapporto sull’economia mondiale contente anche le stime sullo stato di salute di molti paesi occidentali. Nel World Economic Outlook troviamo così indicazioni sull’Italia, sull’Eurozona, sul Giappone e, più in generale, sull’intero Occidente. Partiamo proprio dall’Italia.

 

Pil Italia a +0,6% nel 2014

Secondo l’FMI l’economia italiana, dopo il -1,9% del 2013, nell’anno in corso dovrebbe crescere dello 0,6%. Una percentuale frazionale che dovrebbe diventare più consistente solo a partire dal 2015 quando l’economia italiana dovrebbe mettere a segno una crescita dell’1,1%. Per quanto concerne il tasso di disoccupazione in Italia, esso dovrebbe attestarsi al 12,4% nel 2014 per poi scendere all’11,9% nel 2015.

 

Pil Eurozona 2014: riviste al rialzo le stime

Le stime sul Pil dell’Eurozona per l’anno in corso e per il prossimo anno sono state riviste al rialzo dello 0,1%. In particolare per il 2014, l’FMI si attende una crescita del PIL dell’1,2% mentre l’anno seguente il prodotto Interno Lordo dovrebbe aumentare dell’1,5%. A determinare il miglioramento delle previsioni sull’Eurozona è stato il cambiamento in positivo delle prospettive su Germania e Spagna.  Nello specifico è stata alzata a +1,7% la stima sul Pil 2014 della Germania (dal precedente +1,5% ) mentre quella sulla Spagna è stata alzata a +0,9% nel 2014 da +0,6% precedente.

 

Pil Usa: confermate le stime per i prossimi anni

Nessuna novità dal fronte americano. Il Fondo Monetario Italiano ha lasciato invariato le stime sugli Stati Uniti (+2,8% quest’anno e +3% nel 2015).

 

Pil Giappone: tagliate le previsioni

Il World Economic Outlook dell’FMI vede il Pil giapponese in aumento dell’1,4% nel 2014. La stima è stata rivista al ribasso dal precedente +1,7%.Confermata la stima a +1% per il Pil 2015.

 

Argomenti: