Poste vuole fare il pacco ad Amazon con l’aiuto dello stato

Il boom degli acquisti online rappresenta un'opportunità ghiotta per Poste Italiane, che ormai è dedita sempre più alla consegna di pacchi e ai servizi finanziari. Ma l'ombra di Amazon si allunga.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Il boom degli acquisti online rappresenta un'opportunità ghiotta per Poste Italiane, che ormai è dedita sempre più alla consegna di pacchi e ai servizi finanziari. Ma l'ombra di Amazon si allunga.

Poste Italiane sarà sempre meno un portalettere e sempre più un portapacchi. La corrispondenza è un business in continuo declino, atteso a soli 2,1 miliardi nel 2022 contro i 7,1 per i pacchi. Nel nuovo piano industriale 2017-’22 svelato dall’ad Matteo Del Fante, si punta a triplicare il numero dei pacchi consegnati dai 35 milioni dello scorso anno ai 100 milioni tra 4 anni. Da questo business, l’operatore postale ambisce a ricavare 1,2 miliardi dai 700 milioni del 2017. Il solo segmento B2C (dall’impresa al consumatore), stimato in 1,5 miliardi al 2022, dovrebbe esitare un incasso di 600 milioni, triplicato rispetto ai risultati dello scorso anno. A conti fatti, l’obiettivo della società consiste nel consolidare la propria posizione di mercato con una quota nazionale che si aggirerebbe intorno al 40%. Numeri ambizioni, ma che come vedremo dovranno fare i conti con la sempre più agguerrita concorrenza dei colossi internazionali.

In realtà, Poste Italiane punta a trasformarsi ulteriormente in un offerente di servizi finanziari. Mutui e prestiti erogati per conto terzi dovranno salire da 2,6 a 6 miliardi di euro, mentre le carte di pagamento Postepay distribuite arriveranno a 18,3 milioni di unità e per transazioni annue di 1,6 miliardi di euro in valore. In tutto, i ricavi finanziari resteranno stabili sui 4,9 miliardi (5 miliardi nel 2017), di cui 1,9 miliardi dovranno derivare dal comparto assicurativo, i cui contratti stipulati tramite Poste dovranno quintuplicarsi da 400.000 a 2 milioni.

Prestiti BancoPosta di Poste Italiane in scadenza febbraio 2018

Per completare la trasformazione in un operatore finanziario e dedito all’e-commerce, la società ha annunciato 10.000 assunzioni in 5 anni, le quali rimpiazzeranno 15.000 uscite volontarie, ovvero la media di 3.000 all’anno. Pertanto, il numero dei dipendenti diminuirà da 138.000 a 123.000 unità e metà dei nuovi ingressi riguarderà profili con competenze finanziarie, a conferma dei nuovi traguardi ambiti. In ogni caso, Poste rimarrà il primo datore di lavoro privato in Italia.

La concorrenza potenziale di Amazon

Riorganizzazione dei turni, poi, con i portalettere a dovere effettuare anche turni pomeridiani dalle ore 13.30 e comprese le domeniche. Per i centri urbani, la mattina verranno consegnate solo lettere, il pomeriggio solo pacchi. Nei centri rurali (sotto 5.000 abitanti), gli uffici non verranno chiusi, come si era ipotizzato in precedenza, ma i turni saranno a giorni alterni di mattina e solo in relazione alla consegna delle lettere.

Ogni giorno, i 12.800 uffici di Poste Italiane contattano 3 milioni di italiani su una clientela complessiva di 34 milioni. Le potenzialità per la consegna dei pacchi appaiono enormi, specie considerando che l’Italia resti ancora molto indietro rispetto alla media europea, con soli 2 pacchi mediamente ricevuti da ciascun residente contro gli 8-10 nel resto del continente. Grazie alla sua capillare diffusione, l’operatore sarebbe in grado di capitalizzare meglio di altri dal boom dell’e-commerce, ma la sfida vera sarà con un colosso come Amazon.

Oggi, gli americani consegnano pacchi in Italia, avvalendosi della collaborazione di numerosi corrieri, tra cui le stesse Poste e la controllata Sda. Tuttavia, negli USA hanno iniziato a crearsi un corriere per conto proprio, al fine di testare eventuali risparmi di tempo e costi, a beneficio della clientela. FedEx non teme l’ingresso di un nuovo concorrente sul mercato domestico, ma se l’operazione di Amazon funzionasse, entro qualche anno verrebbe esportata altrove, tra cui l’Italia. Il gigante della Silicon Valley potrebbe cessare la collaborazione con Poste, consegnando per conto proprio i pacchi e creando un duro contraccolpo al business della società italiana, visto che l’esplosione degli acquisti online sembra camminare un po’ in tutto il mondo di pari passo al boom proprio di Amazon.

Amazon vuole spedire i pacchi da sola: Poste in allarme

L’aiuto dello stato

E il governo italiano sta cercando di reagire a quello che già appare uno strapotere del colosso americano e su cui l’AgCom ha acceso i fari, chiedendo lumi sul suo business, il quale sarebbe sostanzialmente di tipo postale, senza sottoporsi alla normativa del settore. Con la legge di Stabilità 2018, è stato concesso a Poste Italiane di svolgere il servizio postale universale anche per i pacchi fino a 5 kg dal 2020 (fino a 2 kg, oggi), con il chiaro obiettivo di rafforzarla in un segmento cruciale per le consegne legate all’e-commerce. Per l’erogazione del servizio universale, la società ha incassato dallo stato 262 milioni di euro nel 2016.

L’evoluzione di Poste Italiane, tuttavia, pone una serie di interrogativi sulla correttezza del modo con cui conduce gli affari. Se di può certamente discutere di eventuali abusi dei colossi internazionali attivi nel commercio elettronico, viene da chiedersi se sia compatibile l’attività finanziaria dell’operatore con la normativa bancaria. E’ vero, Poste non è una banca, limitandosi a collocare prodotti finanziari di terzi tramite le sue filiali e a raccogliere il risparmio dei clienti con alcuni prodotti autonomi, tra cui le carte di pagamento. Tuttavia, a nessun istituto verrebbe permesso di possedere così tante filiali sul territorio nazionale, ma con la scusa di essere un operatore postale, nessun divieto può scattare nei confronti della società guidata da Del Fante, che sfrutta così il suo radicamento senza rivali per competere con banche e assicurazioni senza seguire le normative a cui queste risultano sottoposte.

Si parla di anni di separare il business delle consegne di lettere e pacchi con quello finanziario, ma ad oggi tale “spin-off” appare problematico, non fosse altro perché a rendere è solo il secondo comparto. Servirebbe un boom del primo, grazie all’e-commerce e le prospettive sono effettivamente molto positive, dato il trend globale nel modo di effettuare i consumi. Resta la minaccia di una concorrenza dai giganti del web, che rischia di limitare la crescita dei ricavi che Poste riuscirebbe a maturare dalla consegna dei pacchi B2C. Il suo punto di forza? Quel 60% di capitale ancora in mano a Tesoro e Cdp, che nei fatti rende Poste un operatore “blindato” da ciascun governo contro possibili rimostranze verso il suo business e concorrenti sgraditi.

I risparmi portati alle Poste sono al sicuro?

[email protected]

 

 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi economica Italia, Economia Italia, Servizi pubblici

I commenti sono chiusi.