Ponte 2 giugno: vacanza solo per 1 italiano su 10, ecco cosa li terrà a casa

Ponte del 2 giugno, flop annunciato. Partirà solo un italiano su dieci. Perché?

di , pubblicato il
Ponte del 2 giugno, flop annunciato. Partirà solo un italiano su dieci. Perché?

Il Ponte del 2 giugno sembrerebbe l’occasione perfetta per uscire di casa e prendersi una vacanza, approfittando del lungo weekend. Il calendario è stato generoso quest’anno, considerando che la Festa della Repubblica cadrà di giovedì e saltando l’ultimo giorno lavorativo della settimana, quindi, si potrebbe stare fuori casa dal mercoledì sera a tutta la domenica. Quattro giorni pieni di ferie, che non sembrano, però, allettare gli italiani.

Secondo un sondaggio Swg, realizzato per Confesercenti, solamente un italiano su dieci ne approfitterà per andare in vacanza, mentre i due terzi resteranno a casa e un quarto potrebbe semmai fare qualche gita fuori porta. Di quei 5 milioni di connazionali in viaggio, l’88% sceglierebbe mete italiane, di arte, mare e montagna (il dato risente della paura di attacchi terroristici all’estero; a tale riguardo si noti il -90% segnato per le prenotazioni a Sharm el-Sheikh). Il 63% non ha previsto un budget superiore ai 250 euro e l’11% non spenderebbe oltre i 400 euro.

Ma cosa c’è alla base delle scarse partenze. Il primo fattore è la coincidenza con le elezioni amministrative. I seggi probabilmente saranno grosso modo pieni, buon segnale per la partecipazione alla vita democratica del paese, ma a discapito delle camere degli alberghi, che non faranno il pienone.

La seconda motivazione avrebbe ancora a che fare con le esigue possibilità economiche delle famiglie, a conferma che la crisi sarà anche alle spalle, ma la ripresa vera e propria non si vede. Terzo fattore, il tempo. Le previsioni meteo non giocano a favore delle partenze, dato che il Bel Paese potrebbe essere investito nei prossimi giorni da qualche acquazzone pre-estivo.

 

 

Argomenti: ,