Polizze abbinate ai mutui: l’Antitrust sanziona 4 banche per 20 milioni di euro

Nel comunicato ufficiale in cui si apprende la sanzione da 20 milioni di euro comminata ai quattro istituti di credito.

di , pubblicato il
Nel comunicato ufficiale in cui si apprende la sanzione da 20 milioni di euro comminata ai quattro istituti di credito.

L’Antitrust ha comminato una maxi sanzione complessiva da 20 milioni di euro a quattro istituti di credito per pratiche commerciali scorrette, in riferimento alle polizze legate ai mutui. La multa più ingente è toccata a UniCredit, sanzionata per 6,55 milioni di euro. Seguono a ruota Bnl (5,65 milioni), Intesa Sanpaolo (4,8 milioni) e Ubi Banca (3,75 milioni). Prima che la scure dell’Antitrust si abbattesse sulle quattro banche italiane, Banca d’Italia e Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private) avevano confermato che le banche non potevano condizionare la concessione del mutuo alla sottoscrizione di una polizza assicurativa.

L’Antitrust definisce il pregiudizio economico subito da parte dei consumatori

Nel comunicato ufficiale in cui si apprende la sanzione da 20 milioni di euro comminata ai quattro istituti di credito elencati qui sopra, l’Antitrust ha anche definito il pregiudizio economico subito da parte dei consumatori. I più colpiti sono i clienti della banca Intesa Sanpaolo, con 250-300 milioni di euro ogni anno e ricavi per l’istituto che ammontano a 50-100 milioni. Seguono i clienti della Banca Nazionale del Lavoro (106,5 milioni di euro), con la banca che ogni anno beneficia dalla sottoscrizione delle polizze assicurative ricavi per 33 milioni di euro. Il pregiudizio economico subito invece dai clienti UniCredit ammonta a 100 milioni di euro, con ricavi pari a 36 milioni di euro per l’istituto guidato dall’amministratore delegato Jean Pierre Mustier. Infine, equivale a circa 30-35 milioni di euro il pregiudizio subito dalle persone che hanno ottenuto un mutuo con Ubi Banca, mentre per l’istituto di credito i ricavi annuali sono nell’ordine dei 10-15 milioni di euro.

Richiesta di apertura di un conto corrente

Oltre alla sottoscrizione delle polizze assicurative, posta come condizione per beneficiare del mutuo, l’Antitrust ha rivelato per gli istituti di credito Bnl e UniCredit un’ulteriore pratica scorretta: la richiesta di apertura di un conto corrente presso la propria banca, anche questa ritenuta condizione necessaria per ottenere il finanziamento.

Ora si attende la replica delle banche che entro 60 giorni possono presentare ricorso al Tar.

Leggi anche: Coronavirus: mascherine, disinfettanti e spesa a domicilio da banche, club sportivi e brand di moda

[email protected]

Argomenti: ,