Pil Italia primo trimestre a +0,3 t/t, ma il resto d’Europa fa meglio

Pil in Italia a +0,3% t/t e a +1% a/a, in linea con le attese. Ma resta inferiore alla media dell'Eurozona e di tutti i principali competitors.

di , pubblicato il
Pil in Italia a +0,3% t/t e a +1% a/a, in linea con le attese. Ma resta inferiore alla media dell'Eurozona e di tutti i principali competitors.

Secondo l’Istat, il pil in Italia è cresciuto dello 0,3% nel primo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti, mentre su base annua è risultato in aumento dell’1%. La crescita acquisita è pari allo 0,6%, nel senso che questo sarebbe il dato dell’intero 2016, in assenza di variazioni congiunturali nel resto dell’anno. Il primo trimestre ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto al trimestre precedente e un numero uguale dei primi tre mesi del 2015. La crescita è stata, quindi, in linea con le attese, anche se Bloomberg stimava un +0,9% su base annua. Secondo l’istituto, essa è stata la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei servizi e nell’industria e di un calo nell’agricoltura. Quanto alla domanda, la variazione è stata positiva per la componente interna al lordo delle scorte, negativa per quella estera (esportazioni nette). A livello congiunturale, il pil è cresciuto nel primo trimestre dello 0,7% in Germania, dello 0,5% in Francia, dello 0,4% nel Regno Unito e dello 0,1% negli USA. Su base annua, si è avuto un +2,1% nel Regno Unito, +1,9% negli USA, +1,3% in Germania e Francia. Nel complesso, l’Eurozona si è espansa dello 0,5% congiunturale e dell’1,5% tendenziale. [tweet_box design=”box_09″ float=”none”]Crescita Italia primo trimestre non delude, ma perché aspettative basse[/tweet_box]

Argomenti: , , ,