Pil Italia fermo nel secondo trimestre: la ripresa è finita

Pil italiano fermo nel secondo trimestre. La ripresa è evaporata, l'Italia arretra rispetto agli altri paesi europei.

di , pubblicato il
Pil italiano fermo nel secondo trimestre. La ripresa è evaporata, l'Italia arretra rispetto agli altri paesi europei.

Secondo l’Istat, il pil in Italia nel secondo trimestre è rimasto invariato rispetto ai tre mesi precedenti (dato destagionalizzato), mentre su base annua si è registrata una crescita dello 0,7% (dato corretto per l’effetto del calendario). Nel primo trimestre dell’anno, la crescita congiunturale era stata dello 0,3%, quella tendenziale dell’1%. La crescita acquisita nei primi sei mesi dell’anno è stata dello 0,6%, nel senso che questa sarebbe la variazione complessiva dell’intero 2016, qualora nei prossimi due trimestri non si registrassero mutamenti congiunturali.

Nel frattempo, la Germania ha stimato in un +0,4% la sua crescita sui primi tre mesi dell’anno e dell’1,8% su base annua. La Francia ha avuto una variazione nulla congiunturale e dell’1,4% annuo. Gli USA sono cresciuti rispettivamente dello 0,3% e dell’1,2%, mentre il Regno Unito si è espanso dello 0,6% e del 2,2%. Nel complesso dell’Eurozona, il pil è salito dello 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti e dell’1,6% su base annua.

La stima preliminare è deludente, poiché gli analisti si attendevano un rallentamento meno vigoroso. L’Istat evidenzia un contributo negativo da parte delle scorte e positivo dalle esportazioni nette.

Dunque, la ripresa dell’economia italiana si è fermata. Si materializza così lo spettro di Barclays, che intravede il rischio di un calo del pil dello 0,1% nel corso del terzo trimestre.

Argomenti: , , ,