Petrolio, la battaglia sui prezzi è in Asia. La Russia avanza a discapito del Golfo Persico

I maggiori produttori di petrolio si danno battaglia in Asia per i prezzi, dato che si tratta del continente più importante per i consumi e per le prospettive future. Cresce la Russia, scalfita la potenza saudita.

di , pubblicato il
I maggiori produttori di petrolio si danno battaglia in Asia per i prezzi, dato che si tratta del continente più importante per i consumi e per le prospettive future. Cresce la Russia, scalfita la potenza saudita.

Tirano un sospiro di sollievo le economie produttrici di petrolio, dopo che i prezzi sono saliti del 38% rispetto ai minimi degli ultimi 5 anni e mezzo, toccati lo scorso 13 gennaio, quando le quotazioni scesero a 45 dollari al barile. In ogni caso, esse si attestano ancora al 46% in meno del picco dello scorso giugno e ciò sta trascinando l’economia russa in recessione, in associazione alle sanzioni dell’Occidente e al crollo del rublo. La Russia è il primo produttore di greggio al mondo con 10,6-10,7 milioni di barili estratti al giorno, il dato più alto dal 1986, quando ancora esisteva l’Unione Sovietica. Petrolio e gas rappresentano oltre il 70% delle esportazioni russe e quasi la metà delle entrate statali. Per contrastare gli effetti del crollo delle quotazioni, le compagnie petrolifere hanno pompato la produzione ai massimi, ma concentrandosi, in particolare, sul mercato asiatico.   APPROFONDISCI – La Russia pompa petrolio alle stelle per contrastare gli effetti della crisi del rublo   L’Asia, stando ai dati IEA (“International Energy Agency”), rappresenta quest’anno i due terzi della crescita della domanda mondiale di petrolio e ha superato anche le Americhe per consumi con 31,2 milioni di barili al giorno contro i 31,1 milioni del continente americano e i 14 milioni dell’Europa. L’economia stagnante del Vecchio Continente e la crescita della produzione di “shale oil” negli USA hanno reso sempre più allettante il mercato asiatico, che negli ultimi tempi si è trasformato in un vero campo di battaglia per i produttori. Negli ultimi 15 mesi, l’Arabia Saudita ha venduto ai clienti asiatici per 10 volte il suo Arab Light a sconto, ossia a un prezzo inferiore a quello medio praticato da Oman e Dubai, che funge da riferimento. A febbraio, Aramco, la compagnia petrolifera statale saudita, ha annunciato un prezzo di listino a sconto per l’Asia di 2,30 dollari al barile, il più ampio di sempre. Lo stesso hanno fatto Iraq e Kuwait, i cui prezzi sono legati a quelli sauditi da una formula.   APPROFONDISCI – Petrolio, si scatena la guerra dei prezzi in Asia. Iran e Iraq contro l’Arabia Saudita Petrolio, l’Arabia Saudita aumenta lo sconto sul prezzo per le vendite in Asia. Perché?  

Le quote di mercato in Asia

Il perché di questa battaglia la spiegano le percentuali: la Russia è scesa nel 2014 da una quota di mercato del petrolio del 19% in Cina al 16%, anche se è salita allo stesso tempo dal 30% al 32% in Giappone.

Complessivamente, in Cina, Giappone e Sud Corea (non disponibili i dati sull’India), la Russia ha aumentato le sue esportazioni da 41 a 51 milioni di tonnellate, l’Arabia Saudita è passata da 146 a 142 milioni, il Qatar a 30 milioni (-7,4%) e il Kuwait al 7% dal 7,2% del 2013 con 41 milioni. Perdere quote di mercato in Asia sarebbe come rinunciare al futuro, trattandosi non solo del maggiore consumatore di petrolio attuale, ma anche del mercato con le migliori prospettive, dato che le economie di America ed Europa sono sostanzialmente mature, a parziale eccezione dell’America Latina, mentre quelle asiatiche, come Cina, India e diverse altre sono in crescita rampante. Per questo, l’Arabia Saudita guarda con estrema preoccupazione alla possibilità che gli USA si trasformino in un esportatore di greggio, una volta soddisfatta la domanda interna, potendo strappare quote di mercato in Asia. Ciò ha portato alla rinuncia del taglio della produzione OPEC nei mesi scorsi, nella ferma convinzione di Riad che quotazioni più basse spingeranno le compagnie americane a tagliare gli investimenti e l’output, ritardando di anni quella data fatidica dell’auto-sufficienza. Lo scontro implicito tra Russia, Arabia Saudita e il resto del Golfo Persico sull’Asia sta facendo sorridere, intanto, paesi come Cina, India e Turchia, che possono produrre e importare da mesi a costi più contenuti, alleviando le spinte inflazionistiche interne.   APPROFONDISCI – Petrolio, fallito l’incontro tra OPEC e Russia sul taglio alla produzione. Quotazioni volatili?

Argomenti: