Petrolio ai massimi dal 2014: petroliferi in forte rialzo a piazza affari

I prezzi del greggio potrebbero continuare a salire per tutto questo trimestre. Festeggiano i titoli del settore petrolifero, soprattutto a piazza affari.

di , pubblicato il
Prezzo del petrolio verso i 100 dollari

I futures sul petrolio hanno esteso il loro rally raggiungendo i livelli più alti da novembre 2014.

In particolare:

  • I futures del greggio U.S. West Texas Intermediate (WTI) sono saliti del 2,3% a 81,20 dollari al barile;
  • I futures sul greggio Brent di riferimento sono aumentati del 2% a 83,97 dollari per barile.

I motivi di questi rialzi possono essere attribuiti a molteplici fattori.

Innanzitutto, l’aumento della domanda di carburante dovuta alla graduale fine delle restrizioni imposte dai vari paesi a causa dell’emergenza sanitaria del coronavirus.

In secondo luogo, scrive investing.com, nella giornata odierna le condizioni atmosferiche avverse nella provincia cinese dello Shanxi cinese, hanno portato alla chiusura di 60 miniere.

Tutto questo, ovviamente, ha dato slancio al prezzo del petrolio, così come anche ai titoli dello stesso settore, soprattutto a piazza affari. Ecco cosa sta succedendo.

Titoli del settore petrolifero in forte rialzo

A giovare dei rialzi del petrolio non potevano che essere le principali società del settore petrolifero, in particolare quelle europee.

A Piazza Affari, attualmente, i titoli petroliferi più importanti sono tutti in netto rialzo, confermando la tendenza positiva delle ultime settimane.

Venerdì scorso, Tenaris ha guadagnato il 4,49 per cento, Saipem 4,32 per cento, mentre Eni è salita del 2,13 per cento. Da inizio anno, Eni ha guadagnato il 75%, tornando ai livelli di inizio 2020.

Come se non bastasse, l’avanzata dei prezzi del petrolio e dei titoli ad esso correlati potrebbero non essere ancora arrivati al loro culmine. Secondo l’economista di Capital Economics Caroline Bain, “i prezzi del greggio continueranno a salire per tutto questo trimestre, mentre diminuiranno gradualmente l’anno prossimo”.

 

Articoli correlati

Argomenti: