Perché a vincere sarà la destra: altro che PD e M5S

Sicurezza e immigrazione sono i grandi temi della contemporaneità: perché sarà la destra a interpretare il volere degli italiani, e non il M5S né il PD.

di , pubblicato il
Sicurezza e immigrazione sono i grandi temi della contemporaneità: perché sarà la destra a interpretare il volere degli italiani, e non il M5S né il PD.

Perché a vincere sarà la destra e non il PD né il M5S? Iniziamo prima da qualche dato: secondo l’Istituto Cattaneo, il centrodestra ha vinto nei recenti ballottaggi in un comune su due, non solo conquistando in maniera sempre più capillare il Nord, ma rinforzandosi al Centro (le vittorie in Emilia e Toscana dovrebbero far riflettere il PD renziano). Il Sud, poi, è un discorso a parte: ma è probabile che, tra la rassegnazione e quel po’ di sentimento di ribellione che resta, la reazione riesca molto meglio delle altre forze: non è detto che Salvini non riesca ad attecchire anche nel Meridione. Ma di quale destra stiamo parlando? Questo il grande problema: c’è una destra liberale, moderata, con radici cristiane e vincente in Europa – il modello Merkel – che in Italia è incarnata da Berlusconi. Ma con chi sta vincendo le elezioni Berlusconi?

Un ricordo – Quando il ragionier Fantozzi spiegava il futuro dell’economia italiana e globale (video).

Di che destra stiamo parlando?

Berlusconi ha sempre dichiarato di essere un moderato, inutile nasconderlo, ed è in definitiva uno statalista vecchia maniera, o un autocrate dello stile l’etat c’est moi (lo Stato sono io). Ma al di là delle petizioni di principio, Berlusconi ha vinto a Monza grazie all’appoggio determinante di Fratelli d’Italia, i quali presentavano (quarto tra i più votati) un personaggio che ha fatto campagna elettorale sullo ‘spettro’ dei migranti e della sicurezza, con toni da vecchio fascismo. Ad appoggiarli Lealtà Azione, gruppo neo-fascista, che è riuscito a piazzare alcuni dei propri, giunto agli onori della cronaca per la manifestazione del 25 aprile in onore dei caduti della Repubblica Sociale di Salò.

Nel mantovano, un rappresentante dei ‘Fasci italiani del lavoro’ ha raccolto circa il 10% delle preferenze, mentre a Lucca il candidato di Casa Pound ha raggiunto circa il 7/8% (per poi appoggiare il candidato del centrodestra berlusconiano). Il tutto sempre in alleanza con il ‘moderato’ Berlusconi.

Ecco Emergenza migranti: lo sbandierato accordo con Francia e Germania è l’ennesima beffa all’Italia.

La forza della destra, la debolezza della sinistra e del M5S

La forza della destra sta nella capacità di compattarsi: quando si sente l’odore del sangue, l’arrivo delle elezioni politiche, i dissidi scompaiono e si cerca la quadra: certo, Berlusconi resta un freno all’avanzata dell’estrema destra, ma Berlusconi non può nulla senza l’estrema destra. Un gioco di pesi e contrappesi con il futuro dell’Italia in bilico. Nel frattempo, la debolezza della sinistra assomiglia oramai a una lenta agonia: il PD di Renzi ha fallito e, probabilmente, non è più capace neanche di catalizzare l’attenzione del voto utile; la sinistra, dunque, orfana oramai ufficialmente del PD, forza anfibia e ambigua su troppi temi, non riesce a trovare nessuna strada di espressione, neanche sotto la spinta di Corbyn in Inghilterra, Melenchon in Francia. La morte di Stefano Rodotà ha messo una pietra tombale definitiva sulla sinistra odierna.

E il M5S? Troppo facile chiamarlo ‘ambiguo’: la scelta è stata effettuata (a livello dei vertici) ed è una scelta di destra – temi come l’immigrazione e la sicurezza sono trattati come li tratta Salvini. Il problema è altrove: Salvini è sicuramente più convincente per un elettore di destra che non il M5S e la flessione nei sondaggi è un chiaro segno. Il M5S ha sbagliato tutto rincorrendo e tentando di scavalcare a destra i salviniani: l’unico risultato ottenuto è quello di alienarsi definitivamente il suo (corposo) elettorato deluso dalle sinistre. La destra vincerà, stantibus sic rebus, ma è chiaro che quando si entrerà in campagna elettorale, allora si potrà iniziare a fare previsioni più concrete.

Argomenti: ,