Perché la crisi politica in Spagna non ha colpito, mentre in Italia allarma

La crisi politica nel 2016 non ha colpito in Spagna, mentre desta allarme in Italia. Perché i mercati sono più preoccupati per noi?

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
La crisi politica nel 2016 non ha colpito in Spagna, mentre desta allarme in Italia. Perché i mercati sono più preoccupati per noi?

Mercati tornati nervosi sulle possibile elezioni anticipate in autunno in Italia. E’ bastata l’ipotesi di anticipare di qualche mese la fine della legislatura, dopo che sarebbe approvata la nuova legge elettorale, a mandare in rosso i listini milanesi e a spingere lo spread BTp-Bund a 10 anni ai massimi dal ballottaggio in Francia, ovvero a quasi 190 punti base. Nulla di allarmante ancora, ma non può che farci riflettere il paragone impietoso con la Spagna, che nel 2016 ha vissuto un anno di crisi politico-istituzionale senza precedenti in era post-franchista. (Leggi anche: Allarme spread Italia, ai massimi da 5 anni con la Spagna)

Il paese andò ad elezioni nel dicembre del 2015 e per la prima volta in 40 anni non è stato in grado di assegnare alcuna maggioranza a uno degli schieramenti politici in campo. Sono serviti nuove elezioni nel giugno dello scorso anno e 10 mesi serrati di trattative per formare il nuovo governo, rimasto nelle mani del Partito Popolare del premier Mariano Rajoy, il quale in Parlamento si regge solo sull’astensione di parte delle opposizioni, altrimenti non avrebbe i numeri sufficienti per proseguire il mandato.

Crisi politica esiste anche in Spagna

Due domeniche fa, la vittoria dell’ex segretario Pedro Sanchez alle primarie del Partito Socialista ha riportato in auge la possibilità di una ennesima crisi politica, essendo il rieletto leader contrario a qualsiasi patto di non belligeranza con il centro-destra, tanto che era stato costretto dal suo stesso partito alle dimissioni pochi mesi fa proprio per consentire la nascita di un esecutivo conservatore, evitando che lo stallo si trascinasse fino a rendere obbligatorie le terze elezioni in meno di un anno.

Nonostante ciò, lo spread tra i BTp e i Bonos resta a nostra sfavore e di molto: i titoli decennali emessi da Madrid rendono mediamente lo 0,65% in meno dei nostri, segno che il mercato nutre maggiore fiducia verso i conti pubblici spagnoli e la stessa stabilità politica del paese iberico. Come mai questo apparente utilizzo di due pesi e due misure? (Leggi anche: Rendimenti BTp ai livelli pre-referendum, spread con Spagna a 65 punti)

Crescita spagnola 5 volte superiore a quella italiana

E’ l’economia, bellezza! La Spagna è uscita dalla recessione nel 2014, l’Italia un anno dopo. Non è questo il dato importante, quanto il fatto che da allora la prima ha accumulato una crescita dell’11,2%, ivi compresa quella attesa per quest’anno, le cui stime sono state elevate dal governo al 3% dal 2,7% precedente. Nel 2014, il pil spagnolo crebbe dell’1,4% e nel biennio seguente del 3,2%. L’Italia ha accumulato nello stesso quadriennio appena il +2,2% di pil, sempre che quest’anno riusciremo a registrare il tanto auspicato +1%, che sarebbe il dato migliore dal 2010.

Volendo fare un raffronto, la Spagna sta crescendo rispetto all’Italia 5 volte in più negli ultimi 4 anni. Per quanto il suo tasso di disoccupazione resti altissimo (oltre il 18%), il trend appare positivo, anche sul fronte dei conti pubblici, con il rapporto tra debito e pil destinato a restare sotto la soglia del 100%, quando quello italiano è esploso al 133%. Anche se la situazione politica a Madrid dovesse presto precipitare, sembra improbabile che lì il governo cada nelle mani di Podemos, la formazione euro-scettica della sinistra radicale, mentre in Italia tutte le opzioni rimangono possibili, complice la confusione sulle regole elettorali che verranno adottate. Da qui, le ragioni per cui i BTp scontano sui mercati rendimenti e spread più alti dei Bonos. (Leggi anche: Italia-Spagna, economie a confronto su 5 parametri)

 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi economica Italia, Economia Italia, Economie Europa, Politica italiana

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.