Perché il Coronavirus fa perdere miliardi alle compagnie aeree

Conseguenze disastrose per le compagnie aeree dopo la cancellazione dei voli per la Cina.

di , pubblicato il
Conseguenze disastrose per le compagnie aeree dopo la cancellazione dei voli per la Cina.

Si teme un disastro per le compagnie aeree a causa del coronavirus e il blocco dei voli da e per la Cina. Già le ripercussioni sul turismo si sono fatte sentire con migliaia di cancellazioni di viaggi, anche di lavoro, verso il paese asiatico e i risultati sono davvero strazianti per le compagnie aeree. 

Situazione drammatica per le compagnie aeree

A palesare la situazione drammatica per i vettori aerei è stata la l’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO) che ha diffuso una nota in cui ha previsto le conseguenze economiche per le compagnie aeree. In base ai numeri forniti è emerso che 70 compagnie aeree hanno cancellato i voli da e per la Cina continentale mentre 50 compagnie hanno ridotto le operazioni con una riduzione dell’80% del numero dei passeggeri. Prima dello scoppio del coronavirus, le compagnie aeree avevano previsto un numero di passeggeri e del traffico superiore al 9%. Questo, appunto, prima dell’arrivo del coronavirus che ha avuto e avrà sicuramente delle conseguenze disastrose anche a lungo termine. E non solo per i voli aerei ma in genere sui pacchetti viaggio. [email protected]

Turismo in calo in Giappone e Thailandia

Per quanto riguarda il turismo in paesi come Giappone e Thailandia, i dati dell’Icao confermano una riduzione dei viaggiatori cinesi durante il primo trimestre del 2020. Anche gli italiani sono in calo verso queste mete e ovviamente la colpa è dell’epidemia. Secondo il presidente di Federalberghi Federalberghi, Bernabò Bocca «I conti sono presto fatti ci basiamo sullo scorso anno quando in Italia abbiamo toccato i 4 milioni e mezzo di arrivi dal mercato cinese. A febbraio, l’anno scorso, registravamo 450-500 mila arrivi. E quest’anno zero! Non c’è un calo, è zero e basta. E riteniamo che almeno nel primo semestre di quest’anno il mercato cinese sarà off limits. Penso che purtroppo il peggio debba ancora venire. Per il mercato cinese sarà un anno molto complicato».

 Insomma, si attendono tempi molto duri considerando il numero di cancellazioni e il fatto che ancora nulla di certo si sa sul picco del virus e se e quando l’emergenza finirà. 

Leggi anche: Voli aerei e l’effetto coronavirus: come cambiano i prezzi dei biglietti

[email protected]

Argomenti: ,