Pensioni d’oro, tutti contro Di Maio: la “beffa” della flat tax

Sulla questione delle pensioni d'oro, la Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità parla di "insistenza" da parte del vicepremier.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Sulla questione delle pensioni d'oro, la Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità parla di

Continua a far discutere il tema riguardante le pensioni d’oro. Non è più un mistero ormai che Luigi Di Maio vorrebbe tagliare gli assegni pensionistici più alti, che partono da 4-5 mila euro netti al mese (circa 8 mila euro lordi). Secondo le ultime stime degli esperti, in Italia sono 30 mila persone a percepire una pensione di almeno 4.000 euro netti mensili. In un primo momento, il ministro del Lavoro aveva annunciato un risparmio di 1 miliardo di euro grazie al provvedimento, soldi che sarebbero poi stati reinvestiti in una seconda misura previdenziale, l’aumento delle minime. In realtà, i risparmi sarebbero pari a 100 milioni di euro. Ma non basta, a questo si devono aggiungere le rimostranze di Cida e Cesare Damiano, gli ultimi in ordine di tempo a criticare il provvedimento.

Cida parla di insistenza

Sulla questione delle pensioni d’oro, la Cida (Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità) parla di “insistenza” da parte dell’attuale vicepremier Di Maio. Il numero uno di Cida, Giorgio Ambrogioni, difende coloro che percepiscono quella che oggi viene definita pensione d’oro, ricordando come “pensione vuol dire aver versato i relativi contributi in base alle leggi vigenti: rimettere in discussione – spiega Ambrogioni – questo diritto vuol dire scardinare il patto fra lo Stato e i cittadini, con il rischio – conclude il presidente della Cida – di trasformarli in sudditi”.

Pensioni, passa il decreto legislativo Savona-Di Maio: cosa cambia per gli italiani

Damiano ricorda la flat tax

Cesare Damiano utilizza la carota prima e il bastone poi. Secondo l’ex presidente della commissione Lavoro alla Camera, tagliare le pensioni d’oro è una misura condivisibile. Dall’altra parte, però, l’ex ministro del Lavoro ricorda come l’eventuale introduzione della flat tax, cavallo di battaglia del Centrodestra e della stessa Lega Nord di Matteo Salvini, vada a cancellare il taglio voluto da Di Maio, assegnando oltre mille euro in più agli stessi pensionati che oggi rischiano di perdere al massimo 200-300 euro.

Leggi anche: Pensioni d’oro addio: aumentano le minime, ma sulle cifre i conti non tornano

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Pensioni, Politica, Politica italiana

I commenti sono chiusi.