Pensione di cittadinanza: identikit beneficiari e quanto costa per lo Stato

Il costo aggiuntivo per la pensione di cittadinanza sarebbe pari a 13,8 miliardi di euro, rispetto a un costo attuale di 6,9 miliardi.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Il costo aggiuntivo per la pensione di cittadinanza sarebbe pari a 13,8 miliardi di euro, rispetto a un costo attuale di 6,9 miliardi.

Nell’ultimo vertice di governo durato oltre tre ore, si è discusso dei temi più importanti relativi alla prossima legge di Bilancio. Sul tavolo anche la pensione di cittadinanza, provvedimento inserito nel contratto di governo. In attesa di conoscere se l’aumento delle pensioni minime a 780 euro sia o meno una misura complementare a quota 100 (tutto dipenderà dalle risorse economiche che il ministro dell’Economia Tria riuscirà a reperire), tracciamo un bilancio dell’identikit dei possibili beneficiari dell’incremento delle pensioni minime, grazie all’approfondimento del Sole 24 Ore basato sui dati Inps e Istat.

Identikit dei beneficiari della pensione di cittadinanza

L’aumento delle minime a 780 euro voluto dal Movimento 5 Stelle interessa una platea di potenziali beneficiari pari a 4,5 milioni di persone. Di questi, due milioni sono appartengono al 12 per cento dei pensionati che percepiscono un assegno previdenziale inferiore ai 500 euro. Gli altri 2,5 milioni, invece, sono quelli che – dati Inps alla mano – hanno una pensione tra i 500 e 750 euro. Tornando alle percentuali, il 26 per cento dei pensionati in Italia oggi vive con un assegno tra i 500 e 1.000 euro (rappresentano la fetta più cospicua della popolazione insieme agli ex lavoratori con una pensione dai 1.000 ai 1.500 euro).

Leggi anche: Pensioni, flat tax e reddito di cittadinanza: contenti e scontenti della legge di Bilancio per il 2019

Quasi il 50 per cento di questi vive al Sud Italia, mentre il Nord e il Centro presentano valori tra il 32 e 36 per cento. Nelle isole e al Sud, i pensionati che percepiscono un assegno inferiore ai 500 euro rappresentano in percentuale il doppio di quelli che vivono invece al Nord Italia. Ad oggi, sono più le donne a prendere un assegno inferiore rispetto agli uomini (33 per cento contro il 18 per cento dei maschi nella fascia tra i 500 e 1.000 euro).

Quanto costa per lo Stato?

Il costo aggiuntivo per la pensione di cittadinanza sarebbe pari a 13,8 miliardi di euro, rispetto a un costo attuale di 6,9 miliardi. Al ministro Tria il compito di trovare le risorse economiche necessarie per introdurre la pensione di cittadinanza da gennaio 2019, come promesso dal Movimento 5 Stelle nei giorni scorsi.

Leggi anche: Riforma pensioni: quota 100 “aziendale”, come funziona?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Pensioni, Politica, Politica italiana