Passaporto sanitario per viaggiare in aereo: il futuro è il certificato digitale?

Tornare a viaggiare in aereo, per evitare la quarantena l'idea del passaporto sanitario digitale.

di , pubblicato il
Ripresa trasporto aereo

La pandemia ha provocato una vera e propria crisi per le compagnie aeree; fino a marzo si prevede un calo delle prenotazioni dell’80% e c’è ancora molta incertezza per il futuro. Le nuove restrizioni ai viaggi, infatti, non ha certamente dato una spinta positiva al settore aereo secondo la Iata e non è ancora chiaro quando le cose miglioreranno considerando che la campagna vaccinale richiede tempo. 

I certificati digitali

Per questo motivo, la Iata chiede un modello che vada a sostituire la quarantena con test rapidi prima di salire a bordo da abbinare a certificati digitali per dimostrare la negatività al covid o la propria immunità, una volta che salirà il numero di vaccinati. Da tempo ormai si parla di un passaporto digitale per poter tornare a viaggiare in tranquillità e dal 5 gennaio è attivo anche un test adottato sulla tratta Roma-New York di Alitalia. 

Nella pratica, i passeggeri in partenza per New York si possono sottoporre ad un test antigenico rapido per evitare l’isolamento una volta arrivati a destinazione. Il risultato viene memorizzato nell’app Aokpass sviluppata dalla camera di commercio internazionale. Al momento dell’imbarco, gli assistenti di volo scannerizzano il codice e verificano le credenziali sanitarie in modo che una volta giunti a destinazione è possibile evitare la quarantena. In sostanza, l’app Aokpass consente di sostituire l’auto isolamento per chi arriva dall’estero offrendo una sorta di certificato digitale della salute del viaggiatore. Un’app che è anche gratuita e pagata dagli aeroporti e dalle compagnie aeree come riporta il sito Wired. 

Le varie ipotesi

Lo scopo è quello di far ripartire i viaggi di affari, drasticamente calati nell’ultimo anno, il che vorrebbe dire anche una ripresa economica.

Attualmente, però, le previsioni sono ancora grigie e secondo uno studio di Ideaworks, anche nel 2021 i viaggi di affari subiranno una contrazione del 36%.

Nell’ultimo periodo si sta pensando a dei passaporti sanitari che permettano di tornare a viaggiare. Basti pensare a Common Pass che si sta testando su alcuni voli della Cathay Pacific e United e la Travelpass promossa dalla Iata o ancora l’idea di una carta gialla elettronica pensata dall’OMs, fornita a tutti i cittadini che hanno ricevuto un trattamento anti-covid.

Vedi anche: Viaggiare nel 2021 e l’ipotesi del passaporto sanitario digitale

[email protected]

Argomenti: ,