Parrucchieri ed estetisti aperti anche nelle zone rosse con il nuovo Dpcm

Estetisti e parrucchieri aperti con il nuovo Dpcm, anche nelle zone rosse.

di , pubblicato il
Parrucchieri ed estetisti aperti dopo nuovo Dpcm

Nel nuovo Dpcm del 3 novembre firmato da Giuseppe Conte, sono contenute tutte le regole e le nuove restrizioni che saranno valide fino al 3 dicembre e che divide l’Italia in 3 macro-aree. Estetisti, parrucchieri e barbieri non chiudono come si era ipotizzato all’inizio. 

Parrucchieri e centri estetici rimangono aperti, anche nelle zone rosse

L’apertura di centri estetici, parrucchieri e barbieri, è stata confermata nel nuovo Dpcm, anche nelle aree a rischio, le cosiddette zone rosse. Mentre, infatti, a chiudere saranno i centri commerciali durante il weekend nelle zone arancioni e verdi e sempre in quelle rosse, così come i negozi al dettaglio, tranne che quelli di generi alimentari, farmacie, tabaccai e parafarmacie, i parrucchieri possono rimanere sempre aperti. A far cambiare idea a Conte sono stati i pressing delle associazioni di categoria che hanno fatto di tutto per difendere la sicurezza di questi posti di lavoro. 

Come riporta Confestetica, infatti: “I centri estetici sono tra le attività più sicure, in quanto si avvalgono di un protocollo rigidissimo paragonabile a quello di una sala operatoria”. Anche nei negozi di parrucchieri i controlli sono serrati e le misure di sicurezza molto elevate. Attualmente, infatti, parrucchiere ed estetiste lavorano su appuntamento, sanificano le cabine, tracciano i clienti con nome e ora dell’appuntamento e mettono in atto delle precauzioni restrittive per garantire la massima sicurezza. 

Il pericolo degli abusivi

Secondo Confestetica, però, rimane il problema degli abusivi, se ne contano almeno 120mila che svolgono attività di cura alla persona presso il proprio domicilio o in quello del cliente. Durante il lockdown, gli abusivi hanno svolto una media di quattro trattamenti al giorno. Dunque, si fa notare che se anche stavolta i parrucchieri o estetisti avessero dovuto chiudere le persone avrebbero fatto uso degli pseudo esercenti esponendosi ad un alto rischio di contagio.

Vedi anche: Nuovo Dpcm: quali sono le Regioni in zona rossa, arancione e verde?

[email protected]

Argomenti: ,