Ordini e fatturato giù ad agosto, l’industria non fa il bis di luglio

Ordini e fatturato dell'industria complessivamente negativi in Italia ad agosto. Crescono solo i primi su base annua.

di , pubblicato il
Ordini e fatturato dell'industria complessivamente negativi in Italia ad agosto. Crescono solo i primi su base annua.

Secondo l’Istat, l’industria italiana ha registrato nel mese di agosto un calo degli ordini rispetto a luglio del 5,5%, il dato peggiore dal settembre del 2011, frutto di un -7,4% subito sul mercato estero e del -2,8% su quello domestico. Su base annua, però, si ha una crescita del 2,1%, sintesi di un +2,6% sul mercato domestico e di un +1,3% su quello estero. Nei primi 8 mesi dell’anno, gli ordini risultano cresciuti del 4%. Il calo congiunturale, spiega l’Istat, sarebbe dovuto in gran parte alle variazioni molto positive degli ordini a luglio, trainati dal settore automotive. Su base tendenziale, la crescita maggiore si è avuta nella fabbricazione dei mezzi di trasporto (+14,3%), mentre la flessione più ampia è nel tessile (-6,5%). Analogo l’andamento anche per il fatturato, che rispetto a luglio diminuisce dell’1,6% (-2,2% sul mercato interno e +0,5% su quello estero), mentre al livello tendenziale si ha un aumento dello 0,8% (dato grezzo), sintesi del -0,5% sul mercato interno e del +3,3% su quello estero. Nei primi 8 mesi del 2015, la crescita del fatturato è stata dell’1,4% su base annua. Corretto per gli effetti del calendario (nell’agosto di quest’anno ci sono stati 21 giorni lavorativi, 1 in più di un anno prima), il fatturato diminuisce anche tendenzialmente del 2,4%, frutto del -3,3% sul mercato interno e del -0,4% su quello estero. Rispetto a luglio, i cali destagionalizzati maggiori si sono avuti nell’energia (-5,9%), nei beni intermedi (-2,2%) e nei beni di consumo (-2,1%). I beni strumentali registrano un +0,8%. Su base annua, l’incremento maggiore si è avuto con la fabbricazione dei mezzi di trasporto (+21%), mentre il calo maggiore nella fabbricazione di coke e  prodotti petroliferi raffinati (-19,7%).          

Argomenti: