Olio di palma indispensabile per Nutella, prezzi in calo sotto $700/t

Prezzi in calo per l'olio di palma sui mercati e la Ferrero conferma che senza questo ingrediente non sarebbe possibile produrre la Nutella.

di , pubblicato il
Prezzi in calo per l'olio di palma sui mercati e la Ferrero conferma che senza questo ingrediente non sarebbe possibile produrre la Nutella.

Le quotazioni dell’olio di palma sui mercati internazionali sono scese poco sotto i 700 dollari per tonnellata, nonostante abbiano chiuso il 2016 in prossimità degli 800 dollari. A determinare il calo dei prezzi è stato il rafforzamento della rupia indonesiana e del ringgit, ovvero rispettivamente le valute di Indonesia e Malesia, i due principali mercati di produzione dell’ingrediente molto utilizzato nell’industria alimentare, rappresentando l’85% dell’output mondiale.

Si tratta, in verità, di una buona notizia per gli stessi produttori, che ultimamente hanno temuto la concorrenza di produzioni rivali, come l’olio di colza o quello di semi di girasole, le cui quotazioni si aggirano grosso modo intorno ai 900 e 1.000 dollari per tonnellate rispettivamente. Considerando che contro l’olio di palma sia in atto da quasi un anno una campagna mediatica contro, sulle considerazioni dell’Agenzia alimentare europea (EFSA), secondo cui sarebbe un ingrediente cancerogeno, è bene che i prezzi si tengano a debita distanza da quelli dei sostituti. (Leggi anche: Olio di palma in crisi? Eppure il mercato è in gran salute)

Produzione in calo nel 2016 nei due principali paesi produttori

Nel corso del 2016, sono saliti di circa il 40%, vuoi per la crescita della domanda, vuoi anche per gli effetti del passaggio di El Nino, che hanno ridotto le produzioni proprio nei due mercati di coltivazione principali. In Indonesia, dove si produce circa il 45% dell’olio di palma nel mondo, il calo è stato di circa il 10% a 31 milioni di tonnellate, anche se già quest’anno ci si attende una crescita del 10%, ovvero un perfetto recupero della minore offerta.

Intorno all’80% della produzione indonesiana viene esportato e per lo scorso anno parliamo di 25,7 milioni di tonnellate, in calo dell’1,9% sul 2015, anche se grazie alle quotazioni esplosive il valore delle esportazioni è salito da 16,5 a 17,8 miliardi di dollari, valendo circa il 2% del pil dell’economia emergente.

Anche la Malesia ha accusato un crollo della produzione del 13% a 17,32 milioni di tonnellate, il 39% del totale mondiale, ma anche peggio è andata alle sue esportazioni, che hanno segnato un -27% a 3,83 milioni di tonnellate.

 

 

 

 

Ferrero conferma: Nutella impossibile da produrre senza olio di palma

Secondo una ricerca del Dipartimento dell’Agricoltura USA, la produzione media globale nel biennio 2015-2016 si sarebbe attestata a 64,5 milioni di tonnellate. Stando ai dati di Amnesty International, i principali importatori sono stati nel 2016 India, Europa e Cina per un totale di 20 milioni di tonnellate, il 30% dell’offerta complessiva.

Il mercato dell’olio di palma è tutt’altro che in crisi, come la campagna di stampa negativa ci farebbe pensare. Una ricerca di mercato di Zion ha trovato che valeva nel 2015 65,73 miliardi di dollari, ma che nel 2021 arriverebbe a 92,84 miliardi, crescendo al ritmo medio del 7,2% all’anno.

E ieri, Ferrero ha fornito alcune spiegazioni sulla sua volontà di continuare ad utilizzare l’ingrediente incriminato per la produzione della Nutella, che di fatto confermano quanto il giorno prima – coincidenza vuole – avevamo scritto in un articolo su Investire Oggi, ovvero che la convenienza sul piano economico non c’entrerebbe, numeri alla mano. Secondo il responsabile acquisti, Vincenzo Tapella, l’utilizzo dell’olio di palma sarebbe indispensabile per rendere la crema spalmabile. Il manager ha anche sostenuto di avere testato il prodotto con ingredienti alternativi e che non sarebbe piaciuto ai consumatori che l’hanno assaggiato, in quanto perderebbe la sua consistenza e il gusto tipico. “Senza olio di palma non sarebbe la Nutella”, ha chiosato. (Leggi anche: Nutella senza olio di palma? Ecco quanto ci costerebbe)

 

 

Argomenti: , ,