Occupazione in Italia: le province dove si lavora di più e le peggiori

I tassi sull’occupazione per province mostrano come l’Italia sia diversa spostandosi anche solo di qualche centinaia di chilometri.

di Chiara Lanari, pubblicato il
I tassi sull’occupazione per province mostrano come l’Italia sia diversa spostandosi anche solo di qualche centinaia di chilometri.

Sorprese in merito alle province che hanno il tasso di occupazione più elevato. I dati arrivano dall’Istat, sono stati elaborati da Astraricerche per Manageritalia e mostrano un’Italia divisa sul lavoro, dove la più virtuosa sembra Bolzano mentre al Sud si continua a soffrire. Altri dati interessanti riguardano la suddivisione tra giovani e donne, dove la città dell’Alto Adige si piazza prima e seconda.

Bolzano guida tutti dall’alto

I tassi sull’occupazione per province mostrano come l’Italia sia diversa spostandosi anche solo di qualche centinaia di chilometri. Se per l’occupazione femminile la migliore è Bolzano, per quella giovanile è Lecco ad esibire i dati migliori. Bolzano batte insomma Milano, da sempre una delle città dove trovare lavoro sembra alla portata di tutti. Secondo i dati Istat a Bolzano 62 donne su 100 lavorano, mentre per i giovani a Lecco, a lavorare sono 82 su 100. In linea generale le province che negli ultimi anni hanno creato più posti di lavoro sono Venezia con un +4,8%, Livorno con un +4,4% e Pisa ferma +4,3% mentre Ravenna, Benevento e Imperia sono quelle che tra il 2007 e il 2017 hanno mostrato dati in calo.

La provincia dove in generale il tasso di occupazione è alto è Bolzano, con il 72,9% di occupati, seguono Bologna con il 71,8% e Milano con il 69,5%. La provincia emiliana supera dunque Milano, un caso emblematico che invece non sorprende parlando della città altoatesina, dove il settore lavoro è sempre stato avanti. Il capoluogo emiliano è più avanti di Milano anche per quanto riguarda l’occupazione femminile. E le peggiori? Le province che in termine di occupazione femminile e maschile mostrano i dati peggiori sono Palermo e Caltanissetta con il 38,5%, Foggia con il 38,2% e Reggio Calabria con il 37,5%.

Lavoro, che fatica: ecco quanti sono i lavoratori italiani stressati e i settori più esposti

Le peggiori e le migliori

Per quanto riguarda l’occupazione giovanile (tra i 25 e 34 anni), come già accennato, Lecco è la provincia migliore con l’81,7% di occupati, seguita da Bolzano con l’81,4% e Belluno con l’81,1%. Anche qui le peggiori si trovano al Sud: Crotone con il 33,9%, Reggio Calabria con il 33% e Benevento con il 32,9%.

La classifica generale, mixando occupazione femminile, maschile e giovanile, vede dunque al timone Bolzano, seguita da Bologna, Milano, Piacenza, Parma, Firenze, Lecco, Belluno, Modena e Pisa. Le peggiori Reggio Calabria, Foggia, Caltanissetta, Palermo, Napoli, Crotone, Trapani, Agrigento, Catania e Caserta.

Leggi anche: Quanto costa un’ora di lavoro: le differenze tra Italia e il resto d’Europa

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Disoccupazione, Economia Italia