Nuovo Presidente della Repubblica: elezioni in diretta

In diretta l'andamento delle elezioni del nuovo Capo dello Stato.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
In diretta l'andamento delle elezioni del nuovo Capo dello Stato.

Alle ore 10 di oggi il Parlamento si è riunito in seduta comune per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Se l’elezione avvenisse alla prima votazione, il nome del nuovo Capo dello Stato sarebbe noto già a partire dalle 14,30, in caso contrario alle ore 15 si procederebbe alla seconda votazione. Per i primi tre scrutini il quorum richiesto è fissato a 672 voti, dal quarto scrutinio in poi il quorum necessario sarebbe di 504 voti. La votazione, tramite 4 cabine, avviene tramite chiamate rigorosamente in ordine alfabetico, prevede che siano chiamati alle urne prima i Senatori e poi i Deputati, poi i delegati regionali (chiamati i grandi elettori). Lo spoglio sarà presieduto da Laura Boldrini, Presidente della Camera. Ore 14,17 Si è concluso il primo scrutinio con i seguenti risultati: Hanno votato 999, maggioranza 672 voti Franco Marini  521 Stefano Rodotà 240 Emma Bonino 13 Massimo D’Alema 12 Romano Prodi 14 Sergio Chiamparino 41 Mario Monti 2 Anna Finocchiaro 7 Scheda bianca 104 Scheda nulla 15 Ore 14,00 Si è concluso il primo scrutinio, i segretari procedono al computo dei voti. Ore 13,50 I voti che non sono andati a Franco Marini sono superiori ai 335, quindi è matematicamente impossibile che venga eletto Presidente della Repubblica. A Piazza Montecitorio i manifestanti che sostengono  Rodotà esultano mentre Ignazio Larussa afferma “Sembra ormai che Marini non possa farcela, anche se va segnalato che Rodotà non va oltre i voti di Sel e M5S. Noi abbiamo votato Marini per senso di responsabilità e per non essere accusati di favorire la sinistra. Ora, avendo adempiuto al nostro dovere, anche con dolore e sacrificio, chiediamo al centrodestra di cambiare passo, di fare insieme il punto della situazione per esprimere una candidatura al Quirinale che sia espressione dei nostri valori” Ore 13,48 Spunta a sorpresa un voto per Veronica Lario Ore 13,40 A circa metà spoglio si può dire con certezza che Franco Marini, che sta prendendo la maggior parte delle preferenze, non raggiungerà il quorum. Su 530 schede spogliate Marini ha raccolto circa 290 preferenze, decisamente troppo lontano dai 672 voti richiesti per essere eletto in questa prima votazione. Ore 13,30 Mentre il Presidente della Camera Laura Boldrini legge le schede che man mano gli vengono passate, possiamo affermare che il voto si sta concentrando sui nomi, come previsto, di Franco Marini e Stefano Rodotà, anche se è spuntato anche qualche raro voto per Romano Prodi, Massimo D’Alema, Emma  Bonino, Sergio Chiamparino, un burlesco voto per Valeria Marini e uno per Mara Carfagna, entrambe prive dei requisiti richiesti (entrambe troppo giovani), quindi i voti sono stati considerati nulli. Molte le schede bianche e nulle. Ore 13,07 Chiusa la votazione, inizia lo scrutinio. Ore 12,55 E’ iniziata da poco la votazione da parte dei grandi elettori, poi inizierà lo spoglio tenuto dalla Presidente della Camera Laura Boldrini. Ore 12,50 Proseguono le votazioni da parte dei Deputati, i prossimi ad essere chiamati saranno Rampelli, Rossomando, Sorial, Taglialatela e Totaro Achille. Intanto inizia a profilarsi sempre più distintamente il nome di colui che potrebbe essere il nuovo Presidente della Repubblica: Franco Marini. I partiti, infatti, nelle loro dichiarazione di voto hanno annunciato di voler dare a lui la propria preferenza: Pdl, Lega e la totalità del Pd. Quello che poi accade all’interno della cabina elettorale non ci è dato saperlo, poichè, come ben sappiamo il voto è segreto. Ore 11.40 La prima votazione per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica è in pieno svolgimento conclusa la chiamata dei Senatori, si stanno recando al voto i Deputati, chiamati in ordine alfabetico, dopo i loro sarà la volta dei grandi elettori. Per questo primo scrutinio, e per i due successivi se ce ne sarà bisogno, è richiesto il quorum dei 2/3, ovvero 672 voti. In ballo sempre gli stessi due nomi: Stefano Rodotà e Franco Marini. Stefano Rodotà può contare sul Movimento 5 Stelle che potrebbe garantirgli 162 voti, a cui andrebbero aggiunti i voti di Sinistra Ecologia e Libertà e di almeno la parte di Pd che non vuole votare Marini. Franco Marini invece potrebbe incassare 70 voti di Scelta Civica e le 270 preferenza del Pdl, più difficile stabilire quanti del Pd daranno a Marini la propria preferenza anche se la maggioranza del partito si è espresso a suo favore. Ore 10,00 Inizio primo scrutino di oggi, previste due votazioni al giorno, la prima alle 10 e la seconda alle 15. Se non si dovesse giungere ad una elezione si proseguirebbe con la seduta anche nel week end. Il favorito sembra essere al momento Franco Marini, candidato proposto da Bersani e dai suoi sostenitori nel Pd. Proprio questa scelta di appoggiare la candidatura di Marina ha provocato una spaccatura interna nel partito, tra coloro che hanno scelto Marini e coloro che invece vorrebbero come nuovo Presidente della Repubblica Stefano Rodotà, cercando un accordo con il Movimento 5 Stelle.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica