Nuovo Presidente della Repubblica: chi potrebbe essere?

Tutti i nomi dei possibili candidati a ricoprire il posto che Napolitano lascerà vuoto.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Tutti i nomi dei possibili candidati a ricoprire il posto che Napolitano lascerà vuoto.

Il 15 maggio 2013 scade il mandato di Giorgio Napolitano quale Presidente della Repubblica italiana. In base alla Legge fondamentale dello stato con 30 giorni di anticipo rispetto alla scadenza del mandato la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica devono riunirsi in seduta comune per trovare un accordo sul nome di colui che guiderà l’Italia come nuovo Presidente della Repubblica. Dal 1946 ad oggi questa sarà la dodicesima elezione di un Presidente della Repubblica. L’orientamento politico dei precedenti 11 Presidenti è stato sempre influenzato dalla situazione politica che l’Italia attraversava nel momento che il Capo dello Stato veniva eletto. De Nicola e Saragat erano liberali, Gronchi, Segni, Leone, Cossiga e Scalfaro erano democratici, Pertini era un esponente del socialismo italiano, Ciampi indipendente, mentre l’attuale capo dello Stato, Giorgio Napolitano è un esponente dell’Ulivo con alle spalle una posizione rilevante nel Partito Comunista Italiano. L’attuale situazione politica, con una maggioranza di centrosinista non abbastanza salda non garantirà un capo dello Stato che nasca dalla volontà di un solo schieramento, ma più probabilmente un nome che sarà frutto di un accordo di più schieramenti. Inizia quindi il “toto Presidente” con le ipotesi dei nomi più accreditati per ricoprire l’alta carica, in base alle diverse possibilità di alleanze che potrebbero formarsi da qui a quindici giorni. Il nome più accreditato  è quello di Romano Prodi, fondatore dell’Ulivo che ha già ricoperto incarichi importanti quali Presidente del Consiglio e Presidente della Commissione Europea. Sicuramente se il Centrosinistra avesse avuto una maggioranza netta, le possibilità di vedere Prodi al Quirinale sarebbero state nettamente maggiori. Altri possibili nominativi di papabili al Colle che emergono da rumors sono Massimo D’Alema, Anna Finocchiaro, Gianni Letta e Mario Draghi. Da una possibile alleanza tra Scelta Civica e Pd potrebbe emergere il nome di Mario Monti, Presidente del Consiglio uscente. Da un’alleanza tra Pdl e Pd invece escono come possibili candidati al Quirinale Marcello Pera, Annamaria Cancellieri, Gianni Letta, Paola Severino, Giuliano Amato, Luciano Violante, Franco Marini, Emma Bonino. Da un’intesa tra Pd e Movimento 5 Stelle altri sono i nomi dei candidati possibili: Pietro Grasso, Gustavo Zagrebelsky, Valerio Onida, Stefano Rodotà. Quello che salta agli occhi è che tra i nomi che circolano ben tre sono femminili, e l’elezione di un Capo dello Stato donna sarebbe davvero una grande novità per un Paese come l’Italia, così tradizionalista nella scelta delle alte cariche dello Stato.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica