Nuovo Dpcm per le feste di Natale: i piani del Governo, apertura dei negozi e ristoranti

Nuovo Dpcm anti coronavirus in arrivo il 3 dicembre? I piani del Governo.

di , pubblicato il
Spostamenti tra Regioni e nuovi scenari per le feste: cosa cambia dal 3 dicembre

Il Governo sta lavorando ad un nuovo Dpcm che dovrebbe uscire il 3 dicembre e che dovrebbe prevedere degli allentamenti in vista del Natale. La speranza è che per quella data, la maggior parte delle Regioni sia in zona arancione o gialla, un modo per garantire delle maggiori aperture in vista del Natale. 

Nuove regole per lo shopping

Tra le certezze, come fanno sapere dal Ministero della Salute, nuove regole per lo shopping, che scatteranno solo se la curva scenderà, con orari modificati e alcuni allungamenti. Previste anche deroghe per bar e ristoranti per aiutare le attività ad una ripresa in uno dei periodi più redditizi dell’anno. Secondo Giovanni Toti, governatore della Liguria: «Già dalla festa dell’Immacolata, dunque dal fine settimana del 5 dicembre bisogna prevedere misure meno severe per quei settori che stanno già soffrendo la crisi e invece potrebbero beneficiare delle festività». Si anche valutando la riapertura dei centri commerciali durante il fine settimana o la proroga degli orari di apertura per favorire ingressi contingentati. 

Il dubbio per pranzi e cenoni

Tra le certezze il divieto di pranzi o cenoni con persone diverse dal nucleo familiare mentre si sta ancora pensando all’apertura e spostamenti verso le Regioni hanno contagi molto alti per evitare gli errori della scorsa estate. Il coprifuoco potrebbe slittare di almeno 1 ora ma mantenendo sempre il divieto di assembramento nelle strade o di sosta di fronte ai locali. 

Un altro punto riguarda la riapertura di bar e ristoranti, al momento potrebbe rimanere il limite di 4 posti al tavolo o massimo 6.

Nel frattempo, mentre l’Abruzzo è passata a zona rossa, si sta valutando il passaggio anche della Puglia a fascia rossa o la chiusura di alcune province come quelle di Foggia, Barletta, Andria e Trani.

Possibile peggioramento anche per l’Umbria mentre il Veneto resta in fascia gialla. Si attendono i prossimi giorni per maggiori dettagli.

Vedi anche: Fare la spesa in un altro Comune: nuove regole per regioni rosse e arancioni

[email protected]

Argomenti: ,