Nuovo decreto il 26 aprile e riaperture da maggio: calendario e ipotesi

Si attende un nuovo decreto il 26 aprile per fissare le riaperture di maggio di ristoranti, bar, palestre e cinema.

di , pubblicato il
Green Pass Italiano

Il Governo sta lavorando alle riaperture di maggio ed entro il 26 aprile uscirà il nuovo decreto per fissare le regole e i divieti validi dal prossimo mese. Ovviamente si tratterà di riaperture graduali. I punti focali delle riaperture di ristoranti e bar vertono intorno alla prenotazione obbligatoria e tavoli all’aperto. Si dovrà chiaramente tenere conto dell’andamento della curva epidemiologica.

Nuovo decreto e riaperture ristoranti e bar con tavoli all’aperto

Il 26 aprile non è lontano. Il Governo con il nuovo decreto entro questa data metterà a punto le nuove regole per le riaperture di bar e ristoranti e un calendario. Si andrà a privilegiare gli spazi all’aperto e la prenotazione obbligatoria, i tavoli dovranno essere disposti in modo da assicurare il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti e potrà essere ridotta solo ricorrendo a barriere fisiche. Rimane il punto delle 4 persone al tavolo a meno che siano conviventi. Tornano in auge i tavoli all’aperto, i pagamenti elettronici e la preferenza per i menù plastificati. Senza dimenticare l’obbligo di indossare la mascherina appena ci si alza.

Riapertura cinema e teatri con 200 spettatori

La data del 26 aprile sarà importante anche per fissare la riapertura dei cinema e teatri. Al momento non si può superare la soglia dei 200 spettatori con entrata e uscita separata. Oltre a favorire la prenotazione obbligatoria, i posti dovranno essere distanziati di almeno 1 metro o diminuita in caso di barriere in plexiglass anche removibili.

Il Cts dovrà decidere se optare per l’obbligo di mascherina Ffp2, in questo caso gli spettatori potrebbero aumentare, un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti o il certificato di avvenuta vaccinazione.

L’avvio degli spettacoli all’aperto dovrebbe avvenire da giugno.

Palestre e musei

Anche mostre e musei puntano alla riapertura durante il weekend. Le visite dovranno essere prenotate sempre online e non pagare possibilmente in contanti. Sarà ugualmente fissato un numero massimo di spettatori con l’obbligo di mascherina, di percorsi obbligatori da seguire con specifica segnaletica e divieto di usare ascensori.

Per quanto riguarda le palestre, al momento, si pensa di favorire solo gli allenamenti individuali con mantenimento della distanza di sicurezza di almeno due metri. La questione appare più complicata rispetto alle altre attività e sicuramente i nodi da sciogliere sono maggiori.
Altri punti che dovrebbero discussi fanno riferimento allo spostamento del coprifuoco a mezzanotte e la riapertura di parrucchieri e barbieri in zona rossa.

Di seguito le tappe previste per le riaperture a maggio:
-Dal 26 aprile l’arrivo di un decreto per ripristinare la zona gialla dove è consentito
-Dal 1 maggio riaperture in zona gialla con ristoranti aperti a pranzo e gradualmente lo spostamento del coprifuoco e la possibilità si restare aperti anche la sera
-Da giugno ripartenza degli spettacoli all’aperto e delle palestre e piscine.

Vedi anche: Ristoranti aperti a cena e coprifuoco a mezzanotte: ipotesi Governo per maggio

[email protected]

Argomenti: ,